A.S.D. Seleçao Libertas Calcetto
Via B. Oriani, 59
20099 Sesto San Giovanni (MI)
Tel.: 02 2421136

Storia

Storia della A.S.D. Seleçao Libertas Calcetto

Preistoria e Stagione 1996-1997

L’Associazione Calcistica Seleçao Libertas Calcetto, come sezione dedicata al calcio a 5 all’interno del Centro Sportivo Libertas Sesto, nasce ufficialmente nel luglio del 1996. Ma il nucleo fondatore ha radici più lontane. Vediamo infatti i vari Sergio Noseda, José Sala, Michele De Giglio, Fabrizio Di Pietro, Sergio Lombardi, Flavio Mandelli e Marco Spinelli, amici con una grande passione per il pallone, nel 1994-95 partecipare al Torneo amatoriale denominato “Transalpino”. Tra l’altro con buoni risultati, visti il raggiungimento della semifinale e la sconfitta solo al cospetto di quel Toniolo destinato negli anni successivi a raggiungere addirittura la serie A2. Già la squadra gioca con la maglia gialla e si chiama Seleçao: un nome che vuole sì ricordare per assonanza la ditta fornitrice delle divise, ma che soprattutto vuole ispirarsi a come la Seleçao originale (la nazionale brasiliana) intende il calcio. Ovvero, divertimento e un pizzico di fantasia. Super impegno in questa stagione per Marco Spinelli, che in contemporanea disputa il campionato FIGC di serie C con lo Sporting Sesto. Lo stesso che giocherà l’anno successivo Sergio Noseda (futuro primo capitano della Seleçao Libertas), con la casacca della Domus Bresso.

Ma torniamo alla fatidica estate del 1996: il gruppo di amici, alcuni dei quali legati alle attività della parrocchia Santo Sfefano e dell’oratorio San Luigi, si sente pronto per fare il salto di qualità e accetta quindi l’invito di Cesare Tremolada, presidente del Centro Sportivo Libertas Sesto, di costituirsi in società. La Seleçao si affilia così alla Federazione Italiana Giuoco Calcio e si iscrive al campionato di serie D. Primo presidente è Sergio Rusconi che, curiosamente, di professione fa l’editore anche se nulla ha a che fare con il “celeberrimo” Rusconi. La cosa, però, fa il suo effetto. Vice-presidente è Gaetano Ferri, cognato del portierone Michele De Giglio, così come l’allenatore Antonio Magarelli e il “primo tifoso” Nicola Antonacci, l’inventore dell’incitamento “forza canarini”, in ossequio allo sgargiante colore sociale giallo. Quando si dice, l’importanza della famiglia. C’è grande entusiasmo e voglia di fare, ma mai si perdono di vista i valori fondanti dell’amicizia, del divertimento e della fantasia, con l’artista del gruppo, José Sala, che realizza le caricature dei compagni ispirandosi proprio al soprannome “canarini”. Tutti i giocatori (cui si aggiungono Andrea Nava, Maurizio Quaggetto, Dario Virgili, Nunzio Di Muzio e Luca Loreto) si tassano per coprire le spese della stagione (il concetto della quota sociale rimarrà una costante nella storia della Seleçao): Sergio Noseda e compagni esordiscono ufficialmente a Monza, pareggiano 4-4 con il Pro Victoria. La settimana successiva, presso la palestra dell’Istituto “Galileo Ferraris” di Sesto San Giovanni (ancora oggi la casa della Seleçao) arriva il primo successo: 4-1 sul Max e Teo di Monza. I “canarini”, spesso alle prese con problemi di organico (tanto che capita anche a mister Magarelli, ex portiere, di scendere in campo, sia tra i pali che come giocatore di movimento) concludono la loro prima serie D al nono posto. Flavio Mandelli è il bomber della squadra, con 43 reti. La Seleçao Libertas porta avanti anche un messaggio di solidarietà: sulla maglia appare infatti una coccarda con il logo di Emergency, l’associazione umanitaria che si occupa di aiutare le vittime civili di tutte le guerre (e impegnata in particolare nella campagna contro le mine antiuomo) fondata dai coniugi sestesi Gino Strada e Teresa Sarti. Un messaggio che all’apparenza può stridere con la ditta di onoranze funebri che campeggia, come sponsor, sulle borse dei “canarini”: ma anche questo è la Seleçao…

La Seleçao si affretta ad esportare la propria passione anche all’estero, partecipando a Praga alla “Karls Cup”, torneo internazionale dilettantistico di calcio a 5. Opposti a squadre olandesi e tedesche, i sestesi superano il girone eliminatorio (due vittorie e un pareggio) con un gioco tipicamente all’italiana: difesa arcigna e micidiali ripartenze in contropiede, per tamponare il maggior talento tecnico degli avversari. «You play like Trapattoni», si sentono dire i giocatori della Seleçao: e il Trapattoni dei “canarini” è Fabrizio Di Pietro, allenatore per necessità, in quanto bloccato da un infortunio. E solo un gol subito in “zona Cesarini” impedisce alla Seleçao di approdare addirittura in semifinale.

Stagione 1997-1998

L’estate del 1997 conduce a importanti novità in seno alla società. Nascono infatti delle divergenze, su come impostare l’immediato futuro, tra il nucleo fondatore della Seleçao Libertas, deciso a non smembrare il gruppo, e il trio Rusconi-Ferri-Magarelli, propenso a rinforzare l’organico, a costo però di sacrificare alcuni elementi della squadra. Prevale la prima linea: Maurizio Quaggetto viene eletto presidente, con Sergio Lombardi e Nunzio Di Muzio suoi vice. Una scelta sofferta: non solo perché porta a rinunciare ad uno sponsor già pronto a sostenere la squadra, ma anche perché costringe ad interrompere il rapporto sportivo con persone che restano comunque importantissime nella vicenda storica della Seleçao. Non si è perso però il rapporto umano con Gaetano Ferri e Antonio Magarelli, quest’ultimo successivo (e sempre leale) avversario dei suoi ex “canarini” sulle panchine prima della Stella Sestese e poi del Power Geas, due delle altre compagini “calcettistiche” di Sesto San Giovanni.

Grazie ai buoni auspici di Sergio Noseda, arriva poi, come nuovo allenatore, Osvaldo Tiraboschi: per tutti, il “Nini”. Lui, il calcio vero, lo ha visto da vicino, come guardalinee di serie C2 e, addirittura, come “quarto uomo” in serie A. Tra i giocatori Andrea Nava lascia il posto in porta al giovane Giuseppe Mianulli. Il campionato FIGC 1997-98 vede la Seleçao Libertas migliorare il piazzamento della stagione precedente: i “canarini” finiscono al sesto posto, in un girone difficile, come lo sono tradizionalmente tutti quelli che comprendono compagini del bergamasco e del bresciano. E, a proposito del già citato Trapattoni, Tiraboschi tenta di imitarlo, con la sua mentalità: squadra accorta e “primo: non prenderle”. Non a caso la Seleçao perde per la prima volta solo alla propria ottava partita: ma delle precedenti sette, quattro erano stati pareggi, che hanno impedito subito a Noseda e compagni di fare corsa di alta classifica. Alla fine del campionato sono ben nove i pareggi racimolati dai “canarini”, record societario tutt’ora imbattuto.

L’estate del 1998 inaugura le partecipazioni della Seleçao Libertas Calcetto alla “Copa Maresme – Penya Barcelonista” di Lloret de Mar, nei pressi di Barcellona. Dal punto di vista agonistico, inaugura una serie di quattro eliminazioni al primo turno. Ma, non tutti i mali vengono per nuocere e, nei cinque giorni di soggiorno spagnolo (rispetto ai tre di Praga), qualche (per usare un eufemismo) concessione alle attrattive turistico-culturali della zona, allo splendido mare della Catalogna, al buon mangiare e al buon bere, arriva a mitigare le “delusioni” del calcio a 5 internazionale. D’altra parte, gli stessi organizzatori della Euro-sportring promuovono il torneo a metà tra pallone e vacanza: e gli alfieri della Seleçao, giustamente (durante l’anno si studia e si lavora…) non si tirano indietro.

Stagione 1998-1999

In vista della stagione 1998-99 si resta, ancora, senza allenatore: “Nini” Tiraboschi preferisce rinunciare: non è facile, d’altra parte, svolgere il ruolo di tecnico cercando di far sì (come da indicazione societaria) che tutti gli elementi del gruppo giochino, più o meno lo stesso numero di minuti. Nel frattempo bisogna registrare anche gli innesti di Ezio Fornari e Andrea Fioresino, che vanno ad aumentare il numero dei giocatori. Si prova allora, per mantenere gli stessi intenti, la strada dell’autogestione, anche se, inizialmente, è Sergio Lombardi, più di altri compagni, a svolgere nel concreto il ruolo dell’allenatore-giocatore. Non mancano le difficoltà (da metà campionato circa, le decisioni sui cambi sono effettivamente “collettive”), ma questa resta comunque l’annata più positiva della Seleçao dei primi anni in quanto a risultati: sul campo i sestesi si piazzano quarti nel girone C (Milano e hinterland) di serie D, a braccetto con la Igor, con un bilancio, in 30 partite, di 58 punti, 18 vittorie, 4 pareggi e 8 sconfitte. Ma i “canarini” non riescono ad approfittare di una stagione particolare, che porta le prime quattro di ogni raggruppamento in serie C. La “colpa” è anche del Milano calcio a 5, la cui seconda squadra (la prima milita nella massima serie) è inserita nel girone della Seleçao. Per regolamento può giocare, ma è fuori classifica: al termine del campionato, quindi, nello stilare le graduatorie ufficiali (quelle che contano per il salto di categoria), ogni squadra perde i punti conquistati contro il Milano. E per la Seleçao è un salasso da 6 punti (invalidati i due successi per 9-5 e 8-6), mentre la Igor, avendo perso con i meneghini sia all’andata che al ritorno, rimane a quota 58. Il quarto posto sul campo resta però sacrosanto, così come i 47 gol di Flavio Mandelli e il 17-2 interno sul Free Mix che ancora oggi è la vittoria più larga nella storia della Seleçao in un match di serie D.

Stagione 1999-2000

Anche nel 1999-2000 continua l’esperimento dell’autogestione tecnica, con una variante: ogni giocatore, a rotazione, si incarica di ricoprire per una partita il ruolo di allenatore. Si palesano (era già successo nel torneo precedente) in particolare le capacità “gestionali” del duo Marco Spinelli-Dario Virgili, ma in generale il campionato è meno brillante: sesta posizione (su 13 squadre) in serie D per i “canarini” (nuovi innesti, gli attaccanti Lorenzo Fornari e Gianluca “Pato” Urraci) e una situazione che necessita assolutamente di una scossa.

Stagione 2000-2001

L’estate del 2000 è quella delle rivoluzioni, in ogni senso: alcuni componenti del “nucleo storico” (Maurizio Quaggetto, Sergio Lombardi, Fabrizio Di Pietro) non militano più nella Seleçao ed è Sergio Noseda che decide di prendere in mano le redini della società. È lui il nuovo presidente-giocatore, con Nunzio Di Muzio suo vice, nonché responsabilità dirigenziali anche per Luca Loreto, che riesce a sua volta a coinvolgere nell’avventura “canarina” il padre Adriano. Un nuovo organigramma cui, però, manca ancora la figura dell’allenatore. Basta, infatti, con le autogestioni e con il concetto del “giochiamo tutti”: Noseda, pur senza mai che si tralasci il valore del gruppo, vuole ora una gestione più “agonistica”. Il nuovo tecnico, però, per vari motivi, tarda ad arrivare e in questa situazione di incertezza Michele De Giglio, José Sala, Dario Virgili e Flavio Mandelli accettano la corte della Stella Sestese allenata dall’ex Antonio Magarelli, che dopo la retrocessione dalla C vuole rinforzarsi per tentare di ottenere una nuova promozione.

A settembre, finalmente, la Seleçao Libertas Calcetto ha il suo allenatore: Furio Eberini. E anche la squadra comincia a prendere forma: Tiziano Eberini, portiere dalle grandi doti fisiche; Alberto Guerriero, attaccante molto tecnico e Davide Bega, bomber dal sinistro micidiale. E poi Carmelo Patroniti, Alessandro Posterli e Ignazio Lobascio. Fa ancora qualche apparizione la fantasia di Marco Spinelli, mentre, a stagione in corso, si unirà alla squadra un giovane promettente come Francesco Bacchetta. Gli inizi sono difficilissimi: con l’organico spesso ridotto all’osso, la Seleçao, al termine del girone d’andata, si ritrova, con 12 punti, nelle ultime posizioni della graduatoria. Si ricorda, comunque, un “eroico” 4-4 in casa del Nova Buone Forchette (poi dominatore del girone), con grandi parate di Giuseppe Mianulli e con l’altro estremo difensore, Tiziano Eberini, schierato (con gol, ne realizza cinque in questa stagione) come attaccante. Ci si arrangia come si può… Decisamente meglio il ritorno: 23 punti con 7 successi in 13 partite e una marcia da “grande” che permette alla Seleçao di risalire sino alla settima piazza. Alberto Guerriero e Davide Bega segnano quasi 60 reti in due, nonostante una presenza non proprio continua a causa di infortuni e impegni di lavoro.

Sulle ali dell’entusiasmo, la Seleçao si aggiudica (primo e finora unico “primo posto” nella storia canarina), presso i campi del Centro Sportivo San Raffaele, la quinta edizione della “Summer Cup” di Milano, a ulteriore conferma che, almeno sulla carta, sono buonissime le premesse per far bene nella stagione 2001-02.

Stagione 2001-2002

Dario Virgili torna alla corte del presidente Noseda e in più mister Furio Eberini può contare su un terzetto proveniente dalla Rondinella (ex serie C): Roberto De Vita, Francesco Barbiero e Magnus Tiozzo. Ma soprattutto, si completa la famiglia Loreto: dopo Luca e papà Adriano, ecco Alessandro, cannoniere di razza.

Sul piano societario, vi sono poi importanti evoluzioni: all’interno di un percorso di crescita impostato da Noseda si decide di “raddoppiare” e di iscrivere una squadra anche alla serie A del campionato Sportland, un torneo amatoriale di buon livello che si dipana lungo tutto l’arco dell’annata sportiva. Due compagini, ma un unico gruppo per gli allenamenti: questa la strada intrapresa, con i responsabili tecnici (Furio Eberini per la FIGC e Nunzio Di Muzio per lo Sportland) che di volta in volta effettuano le convocazioni.

In serie D non è un’annata facile. Tutt’altro. Il girone “Bergamo-Brescia” è complicato da affrontare, sia per la forza delle squadre (nella vincitrice del raggruppamento, il Brescia calcio a 5, milita addirittura il “mito” Mico Martic) che per la distanza delle trasferte. La Seleçao infarcisce l’andata con ben sei sconfitte consecutive: storicamente i “canarini” si migliorano nel ritorno e succede anche questa volta (18 punti contro 11), ma il bilancio generale (decimo posto) non può essere positivo. Spiccano solo i 48 gol di Alessandro Loreto, che migliora il primato stagionale FIGC di realizzazioni per un giocatore della Seleçao. Il gruppo Sportland (in campo in questo torneo, come nelle varie uscite internazionali, con la maglia di Emergency) si piazza sesto nel proprio girone, mancando la qualificazione alle fasi successive del torneo. Da registrare, qui, il “ritorno all’ovile” anche di Flavio Mandelli, il bomber storico dei “canarini”.

Stagione 2002-2003

E veniamo all’annata sportiva, 2002-03: cambia registro la gestione unica FIGC-Sportland, che aveva creato qualche malumore. Ora i gruppi sono due, ben distinti e affidati sempre a Furio Eberini e Nunzio Di Muzio, che lascia così definitivamente i campionati federali dopo sei anni di più che onorata militanza. Per quel che concerne il torneo Sportland, l’intenzione iniziale è quella di ricostruire gran parte del nucleo originario della Seleçao, con il ritorno dei vari De Giglio, Sala, Lombardi, Quaggetto, Spinelli. Le presenze reali saranno però assai più rade del preventivato e anche per questo la squadra chiuderà ultima il proprio girone (Cristiano Villa con 12 gol e José Sala con 7 i migliori realizzatori), con una poco invidiabile striscia di 13 sconfitte consecutive.

Il gruppo FIGC ha un nuovo capitano: si tratta di Luca Loreto, che riceve la fascia da Sergio Noseda e completa così la sua evoluzione, da virgulto della prima Seleçao a punto di riferimento per i compagni. Il fratello Alessandro, invece, si lascia allettare dalla corte della Stella Sestese e passa dall’altra parte della “barricata calcettistica” cittadina. La squadra di mister Furio Eberini, nella prima parte della stagione, può contare sul rientro, seppur saltuario, di Davide Bega, mentre progressivamente si inseriscono elementi preziosi quali il jolly Bruno Selmi e la punta Igor Bassi: i risultati, però, non arridono alla Seleçao. Una svolta alla decima giornata: un ribaltone tecnico all’interno della Stella Sestese convince Alessandro Loreto a chiedere di essere svincolato per poter tornare alla Seleçao, seguito dai fratelli Stefano e Oscar Piano. Con questi tre innesti, la squadra può dirsi ora veramente completa e in 17 partite, raccoglie 12 vittorie, 1 pareggio e 4 sconfitte, per un totale di ben 37 punti. La chiusura di campionato è addirittura travolgente, con otto risultati utili consecutivi e sei successi di fila: cifre record nella storia della Seleçao. Luca Loreto e compagni risalgono la china, sino al quinto posto e si mangiano le mani per alcuni scivoloni (in particolare i match interni con Brusuglio e Stella Sestese persi ingenuamente in “Zona Cesarini”) senza i quali si sarebbe potuta addirittura centrare la zona play-off per la promozione in serie C2. Dal suo ritorno in maglia Seleçao, Alessando Loreto realizza ben 47 reti, andando a segno in tutte le 17 partire disputate.

E mentre alcuni fra i “canarini” (rigorosamente “griffati” Emergency) sfiorano la finale al Torneo di Cattolica, la dirigenza capeggiata da Sergio Noseda (e arricchitasi del prezioso apporto, come tesoriere, di Enrico Ieva) si sente matura per tentare, in vista della stagione 2003-04, il grande salto. Si decide, pur dolorosamente, dopo un triennio di proficua collaborazione, la separazione con il mister Furio Eberini. Il tecnico del futuro sarà Roberto Tommaso (ex Burago calcio a 5 e Stella Sestese), coadiuvato da Claudio Tibs come preparatore atletico.

Stagione 2003-2004

Con la coppia tecnica Tommaso-Tibs l’obiettivo agonistico della società è fin da subito chiaro: tentare la scalata verso la serie C2, forse per la prima volta in maniera decisa e programmata nella giovane storia canarina.
La squadra formata per tale rincorsa è formata da Alberto Bianchi, Roberto Ingargiola, Giuseppe Mianulli (portieri), Gianluca Cassotta, Luca Loreto, Alessandro Spina, Fabio Maresca, Josè Sala, Bruno Selmi, Pasquale Turzo, Dario Virgili, Igor Bassi, Alberto Guerriero e Alessandro Loreto.
Per la prima volta alla Seleçao Libertas capita il girone con squadre delle province di Lecco e Como e con la presenza di ben tre formazioni fuori classifica su un totale di 14. Il raggruppamento si preannuncia quindi “sulla carta” più agevole rispetto agli anni passati, dal momento che può bastare cogliere il terzo posto su sole 11 squadre per avere accesso almeno ai play-off promozione. Inoltre il lotto delle pretendenti si dimostra da subito “spaccato in due” con solo 5/6 squadre con ambizioni di alta classifica (destinate a ridursi nel ritorno a 4 per 3 posti), con il resto del gruppo che figura quasi da “sparring partner”.
Questo girone abbastanza anomalo presenta comunque, per assurdo, anch’esso delle insidie pericolose: ci sono infatti pochissimi margini d’errore in quanto eventuali passi falsi sono difficilmente recuperabili vista la ridotta competitività media delle avversarie. Assumono quindi notevole valore gli scontri diretti, dove la vittoria o la sconfitta possono fare veramente la differenza e scavare solchi difficilmente colmabili. La Seleçao è quindi brava a cogliere le vittorie giuste al momento giusto, soprattutto nel derby di ritorno contro il Power Geas, scontro diretto che permette di scavalcare al terzo posto in classifica i “cugini” sestesi e di fatto estrometterli dal discorso play-off, in quanto Lecco C5 e Team Euro sono molto staccate e si rivelano due formazioni schiacciasassi che si contendono la prima posizione fino all’ultima giornata. Il terzo posto finale nel girone significa quindi play-off, cioè la possibilità di giocarsi per la prima volta veramente la promozione in C2, come negli intendimenti societari di inizio annata.
Purtroppo i play-off non vanno come nelle più rosee aspettative di Luca Loreto e compagni: qualche defezione di troppo causa infortuni e impegni di lavoro, nonché avversarie più agguerrite forse perché provenienti da raggruppamenti di “stagione regolare” più competitivi, fanno sì che la Seleçao Libertas concluda solo ottava su dieci formazioni partecipanti. Troppo poco per sperare in un ripescaggio, che effettivamente si ferma al quinto classificato della mini-classifica scaturita dai play-off stessi.
Più di un pizzico di delusione c’è: ma c’è soprattutto la consapevolezza di aver compiuto esperienze fondamentali per tentare subito un nuovo e migliore assalto alla serie C2.

Stagione 2004-2005

I play-off, seppur negativi, dell’annata 2003-04, non scoraggiano la Seleçao. Anzi: mai così vicina al traguardo grosso della promozione in serie C2, la società canarina serra le fila e mantiene altissimo l’impegno per riprovarci. La superconfermata coppia tecnica Tommaso-Tibs si ritrova una squadra rinnovata in molti effettivi, anche importanti. Partono Alex Loreto, Ingargiola e Bassi, mentre Turzo, Sala e Virgili appendono le scarpette al chiodo, con quest’ultimo che si inserisce nei quadri dirigenziali del club. Arrivano Meroni, Radaelli, Andreoli, Galimberti, Lovisi, Spatafora, i fratelli Raffaele e Mauro Colosimo. Ma fra i nuovi acquisti il più atteso è di certo Claudio Cagnetta, attaccante classe 1982 arrivato in prestito dalla Valprint del “mito” Mico Martic: a lui in particolare il compito di rimpiazzare le grandi messe di gol cui Alex Loreto aveva abituato nelle precedenti stagioni.
L’inizio del “Pennellone” (per il fisico slanciato) è col botto: subito un poker nella prima giornata del girone D di serie D. La Seleçao Libertas Calcetto batte in trasferta il Gi.Di. Seregno per 10-3: un debutto che dà morale alla truppa del presidente Noseda, che in questo momento non può usufruire della propria tradizionale casa, ovvero la palestra dell’Istituto Galileo Ferraris di Sesto San Giovanni, chiusa per lavori di ristrutturazione. Perdura l’esilio forzato (seppur dorato, vista la bellezza dell’impianto) a Burago, non solo per gli allenamenti, ma anche per le partite ufficiali. Qui la Seleçao supera nella seconda giornata per 3-2, al termine di un match mozzafiato, il Cgb Brugherio, una delle avversarie più accreditate nei pronostici della vigilia. Le reti di Maresca (doppietta) e Guerriero, le parate di Bianchi, l’ordinata resistenza ai tentativi di rimonta dei vivaci rivali, fanno ulteriormente capire alla squadra di Tommaso di poter recitare ancora una volta un ruolo più che importante. Detto fatto: la Seleçao infila in campionato una striscia schiacciasassi. Sette partite, sette vittorie: tra queste il 7-2 sul Nova B.F. che non sarà valido al termine del girone per la classifica reale, ma anche il preziosissimo 9-5 interno (al Palaverde di Cambiago) sui pericolosi monzesi del San Biagio. Dopo il 7-1 del quarto turno sull’Nta i sestesi, per la prima volta nella loro storia, sono solitari in testa alla classifica in serie D. La pazzesca sequenza canarina viene interrotta in Coppa Lombardia dal Cgb Brugherio (7-4), mentre in campionato è il Brusuglio ad imporre il pari (3-3) a Luca Loreto e compagni, nel match che segna, finalmente, il rientro della Seleçao al Galileo Ferraris, dopo ritardi soprattutto burocratici che avevano causato una ventina di giorni prima anche il rinvio del derby con il Power Geas.
La Seleçao Libertas torna così a casa, e riprende immediatamente a vincere. E pare non fermarsi più. La squadra di mister Tommaso chiude il 2004 imbattuta in campionato, senza lasciare più sul terreno altri punti in graduatoria. Il Natale viene festeggiato con la sonante vittoria per 18-2 (6 reti di Cagnetta) nella gelida Civate. È l’affermazione pù larga di sempre per la Seleçao, da celebrare con una colossale mangiata (e bevuta) di gruppo in un ristorante di Valmadrera. Pochi giorni dopo il Milano Est elimina i canarini dalla Coppa Lombardia, ma la qualificazione alle fasi ad eliminazione diretta era già stata compromessa dalla battuta d’arresto con il Cgb Brugherio.
Seleçao dominante: Seleçao ancora più forte. Il giorno di Santo Stefano il club di via Oriani annuncia ufficialmente due importantissimi rinforzi. Torna Alex Loreto, svincolatosi dalla Vimodronese e arriva dalla Valprint Stefano Ferri, forte laterale mancino classe 1982, tra l’altro figlio di Gaetano e nipote di Michele De Giglio, rispettivamente primo vice-presidente e uno dei fondatori della Seleçao nel 1996. Ferri esordisce con una doppietta nel 12-3 sul Potestas Monte Olimpino che permette ai Noseda-boys di terminare il girone d’andata con il ragguardevole bilancio di 12 vittorie e un solo pareggio. Alex Loreto è invece ancora ai box per i postumi di un fastidioso infortunio ad una caviglia.
Cgb Brugherio (seconda in classifica) e San Biagio (terza): ecco gli ultimi ostacoli sulla strada della Seleçao Libertas Calcetto verso la C2. La seconda giornata di ritorno offre subito la trasferta di Brugherio, l’ostacolo più duro. La partita è un vero spot per il calcio a 5 dilettantistico: avvincente, incerta sino all’ultimo, dura ma corretta, chiusasi con entrambe le squadre al centro del campo a salutare gli oltre 100 spettatori presenti. Felicità doppia per la Seleçao, che si impone 5-4 (2 Ferri, 1 Cagnetta, Guerriero e Selmi): una squadra che gira a meraviglia attorno a tre perni come Cagnetta, Guerriero e Ferri, che non esita a prendere in mano le chiavi del gioco canarino. È il 27 gennaio 2005: il 1° marzo è previsto l’altro big-match in casa del San Biagio, cui la Seleçao arriva dopo un febbraio di nuovo immacolato, con quattro successi su quattro. E neppure il freddo pungente del campo all’aperto dell’oratorio monzese di San Biagio ferma i canarini: nel primo tempo Cagnetta e Luca Loreto tengono a bada i padroni di casa, annichiliti nella ripresa dalla tripletta di Ferri. Finisce 6-2: la promozione è sempre più vicina. Altre 13 vittorie consecutive da quel pari con il Brusuglio, che curiosamente anche nel ritorno rallenta la Seleçao, ancora con un 3-3, confermandosi di essere una delle storiche bestie nere dei sestesi.
La vicenda si ripete, però, anche in positivo. 14-4 all’Extra Sport e Promotions (torna in campo e al gol Alex Loreto, Guerriero capitano per la squalifica di Luca Loreto… ennesimo bel riconoscimento per il “Puma”), 5-1 al Blevio: manca ormai solo la certezza matematica del primo posto e della promozione diretta in C2 per poter esplodere di gioia. Il tutto potrebbe giungere già il 7 aprile al Galileo Ferraris di Sesto San Giovanni, ma i ragazzi del Civate chiedono e ottengono il rinvio per poter essere presenti a Roma ai funerali di papa Giovanni Paolo II. C’è anche un piccolo retroscena, perché per un disguido l’arbitro si presenta ugualmente, trovando ovviamente solo la Seleçao intenta ad allenarsi. Sembra profilarsi un amaro successo a tavolino per i canarini, poi l’equivoco si chiarisce e il 14 aprile 2005 si gioca la partita della storia per la Seleçao Libertas Calcetto. Il Civate viene battuto 10-0 ed è grande festa per tutti. “Seleçao C siamo”, “Che spettacolo” e “Che meraviglia questa nostra Seleçao”, sono gli slogan, i canti, le scritte che scandiscono la serata di giubilo per un traguardo atteso dal 1996. Il successivo 9-2 in casa del Potestas Monte Olimpino chiude un campionato fantastico: 26 partite, 24 vittorie, 2 pareggi, 0 sconfitte, ben 203 gol fatti (una media di quasi 8 a incontro). Cagnetta va in rete 59 volte, risultando il terzo miglior marcatore del girone D. Da segnalare anche i 41 centri di Maresca, i 30 di Guerriero, i 21 (in metà campionato) di Ferri e i 17 di Selmi.
Ma ecco tutti i protagonisti della promozione. In campo: Alberto Bianchi, Giuseppe Mianulli, Alessandro Meroni, Claudio Cagnetta, Fabio Maresca, Alberto Guerriero, Stefano Ferri, Bruno Selmi, Luca Loreto, Alex Loreto, Marco Spatafora, Alessandro Spina, Mauro Colosimo, Raffaele Colosimo, Fabio Galimberti, Marco Radaelli, Gianluca Cassotta, Marco Lovisi, Alessandro Andreoli. In panchina: Roberto Tommaso e Claudio Tibs. Dirigenza: Sergio Noseda, Adriano Loreto, Tiziano Furrer, Enrico Ieva, Dario Virgili, Massimo Sarti.
Una società che non vuole però fermarsi agli splendidi risultati della prima squadra. In primavera comincia ad elaborare un “Progetto Settore Giovanile” volto alla costituzione di una Scuola Calcio a 5, inizialmente per ragazzi e ragazze dai 6 ai 12 anni. Il biglietto da visita di questa “nuova” Seleçao Libertas Calcetto è la riuscitissima manifestazione “Primi Calci… a 5” del 10 luglio, presso il Centro Sportivo Falck Tennis di Via General Cantore a Sesto San Giovanni.

Stagione 2005-2006

È la stagione che porta al decennale della Seleçao Libertas Calcetto, fondata nell’estate del 1996.
In avvicinamento a questo importantissimo compleanno, due sono le grandi sfide da affrontare: mantenere la Serie C2 nell’anno di esordio in questo campionato e partire concretamente con la Scuola Calcio a 5 tanto voluta dalla dirigenza guidata dal presidente Sergio Noseda.

La squadra canarina si presenta ai nastri di partenza con importanti novità: si scinde innanzitutto la coppia tecnica della promozione, con Claudio Tibs che deve abbandonare a malincuore il suo ruolo di “vice” di mister Roberto Tommaso. Tra i giocatori Claudio Cagnetta, mattatore della stagione precedente, torna alla Valprint dopo un anno di prestito: «Dovrebbero farci un monumento per come l’abbiamo fatto crescere», dichiara scherzando, ma forse non troppo, il presidente Noseda, che sostituisce Cagnetta con l’esperto Marco Borgonovo, reduce da due campionati di D in maglia Extra Sport Promotions timbrati con ben 153 segnature.
Tra i protagonisti della scalata alla C2 abbandonano la Seleçao anche Fabio Maresca (che passa al calcio a 11) e Alessandro Spina. Il mercato in entrata, oltre al già citato Borgonovo, vede in particolare l’arrivo di Luca Dellon, proveniente dal Real Milan di Serie B, elemento che può essere tatticamente assai importante nello scacchiere Seleçao. Giungono alla corte di mister Tommaso anche Ivan Ciufo (dal Power Geas) e Marco Drera (dalla Maytec).
I cambiamenti in atto nel calendario, inducono la Seleçao Libertas Calcetto a rinunciare alla disputa della Coppa Lombardia, per concentrarsi esclusivamente sul torneo di C2 che parte la penultima settimana di settembre.

L’esordio in questa categoria dei sestesi è amaro, perché coincide con una sconfitta 5-3 in casa del forte Cus Brescia. Debutto sofferto sia per l’ottimo livello degli avversari, sia per un pizzico di emozione, acuita dall’attesa supplementare di 90 minuti per il calcio d’inizio, a causa del ritardato arrivo del direttore di gara.
Per la statistica e la storia il primo gol Seleçao in Serie C2 è siglato da Stefano Ferri, che realizza anche la prima doppietta. Va in rete anche Dellon, ma non si riesce ad evitare la battuta d’arresto.
Il primo punto Seleçao in C2 viene conquistato la settimana successiva nell’esordio casalingo contro la Bocconi Sport Team. Ma è una serata agrodolce quella presso la palestra “Galileo Ferraris” di Sesto San Giovanni, perché la Seleçao negli ultimissimi minuti si fa inopinatamente rimontare da 5-3 a 5-5. Note liete, la tripletta di Borgonovo e il ritorno al gol di Alessandro Loreto.
Purtroppo la storia si ripete sempre in casa il giovedì successivo, e questa volta i canarini escono sconfitti al cospetto del Clusane, che recupera dal 4-5 al 6-5 in proprio favore. L’inesperienza gioca un brutto tiro alla Seleçao. Il salto di categoria si sente soprattutto in questi momenti: in D ci si poteva distrarre senza pagare dazio, in C2 concentrazione massima sin quasi alla doccia, altrimenti sono guai.
Una boccata d’ossigeno, soprattutto per il morale di Luca Loreto e compagni, arriva alla quarta giornata, grazie al successo esterno per 7-4 sul terreno del Gso Vimodrone. È il 13 ottobre 2005, è la prima vittoria Seleçao in serie C2, siglata dalla doppiette di Alex Loreto, Borgonovo e Dellon e dalla rete di Drera.
Il campionato dei ragazzi di mister Tommaso prosegue in maniera altalenante. Pesante rovescio interno (1-5) contro l’esperto e cinico Orzinuovi, vittoria prezionissima (6-4) in casa dell’Isola neopromosso come la Seleçao, pareggio 2-2 sofferto ma importante al cospetto dell’Athletic C5, che solo pochi mesi prima raggiungeva i play-off promozione in C2. E poi ancora: sconfitta netta ed annunciata sul campo della capolista Futsal Monza (8-3), vittoria interna altrettanto netta ed annunciata (seppur accompagnata da una prestazione poco brillante) sul fanalino di coda Tony San Donato (7-2), con le prime segnature stagionali per Alberto Guerriero, sempre pronto a dare il proprio apporto, “slalomeggiando” tra impegni di lavoro e acciacchi fisici.

Siamo nella seconda metà del mese di novembre: e mentre la prima squadra della Seleçao Libertas Calcetto sta prendendo visione, non senza difficoltà, del campionato di C2, cominciano le lezioni della Scuola Calcio a 5 per bambini e bambine dai 6 ai 12 anni, presso l’impianto in erba sintetica del Centro “Falck Tennis” di Via General Cantore.
La data del 21 novembre 2005 è decisamente storica nella “vita” canarina: è il passo iniziale di quella che, nelle intenzioni e nelle speranze della dirigenza Seleçao, vuole diventare un’attività giovanile a tutto tondo.

Tornando al torneo di C2 comincia per la Seleçao una serie di tre scontri diretti nelle zone medio-basse della graduatoria. Il primo viene perso per 6-5 sul campo della Ricerca e Sviluppo. Poi, però, giungono due affermazioni toccasana per la classifica dei sestesi: nel 5-4 interno sul Diogene Piacenza Alex Loreto, con tripletta e gol decisivo nel finale, torna ai fasti di un tempo; nel netto 6-1 sul terreno del Marassi Cinisello tutta la Seleçao funziona bene e c’è finalmente il primo centro in campionato anche per Bruno Selmi. Ai canarini non riesce il tris di successi: nell’ultima partita del girone d’andata si fanno sorprendere in casa (7-9) dal Real Comes in un match ricco di rimpianti.
A metà campionato la Seleçao Libertas Calcetto vanta così 17 punti in classifica e si posiziona poco sopra la zona dei play-out retrocessione. Risultati e prestazioni sono stati altalenanti: la squadra ha avuto buoni picchi, ma ha difettato in continuità.
La fine dell’andata coincide con la pausa per le festività di Natale e Capodanno, nella quale si concretizza la separazione, dopo due anni e mezzo, tra la Seleçao Libertas Calcetto e l’allenatore Roberto Tommaso. Si chiude così, con l’annuncio ufficiale dell’11 gennaio 2006, un ciclo che ha portato molte soddisfazioni: la società sestese vuole aprirne un altro, che possa partire da una salvezza in serie C2 non facile da conquistare.

La prima partita del dopo-Tommaso vede provvisoriamente sedere in panchina il presidente Noseda: la Seleçao va vicina a bloccare in casa il Cus Brescia secondo in classifica, ma alla fine deve arrendersi per 2-1.
Il 14 gennaio viene comunicata la nuova guida tecnica canarina: l’allenatore è Michele Pirone, alla sua prima esperienza nel calcio a 5 dopo una lunga militanza nel calcio a 11 alla guida di prime squadre e di compagini del settore giovanile. Al suo fianco torna come “vice” e come preparatore atletico Claudio Tibs, che con i medesimi ruoli aveva collaborato con Roberto Tommaso nelle annate 2003-04 e 2004-05.

L’esordio della coppia Pirone-Tibs coincide con una sconfitta 4-2 sul campo della Bocconi Sport, squadra di vertice del girone. Rinviata per maltempo la trasferta sul campo del Clusane, la Seleçao Libertas ha una gravissima battuta d’arresto al “Galileo Ferraris” (3-5) contro il Gso Vimodrone: la rivoluzione tecnica non sembra dare la scossa sperata e la squadra, dopo quattro sconfitte consecutive, è caduta in piena zona play-out ed appare in difficoltà.
La Seleçao riprende a muovere la classifica, schiodandosi dalla maledetta quota 17, forse nell’occasione meno prevista, andando a pareggiare 4-4 in casa dell’Orzinuovi quarto in graduatoria: è il primo punto della gestione Pirone, torna finalmente una squadra tonica e compatta, una bella iniezione di fiducia per i turni successivi.
La continuità, però, manca ancora, e la partita casalinga con l’Isola ne è negativa testimonianza: gli avversari si mostrano di scarsa consistenza, eppure i canarini non riescono a chiudere i conti, venendo puniti a 25 secondi dal termine del recupero. È un 5-5 pesantissimo per morale e classifica: i problemi appaiono lontani da una certa risoluzione.
C’è il rischio di non vedere più la luce alla fine del tunnel chiamato play-out, anche perché si avvicina la trasferta sul terreno dell’Athletic C5, sulla carta assai difficile. Invece la Seleçao Libertas tira fuori gioco ed attributi nel momento più difficile della stagione: a Segrate disputa un secondo tempo capolavoro, imponendosi 6-3 con tripletta di Ferri, doppietta di Borgonovo e gol di Guerriero, tornando a vincere dopo oltre due mesi e regalando i primi tre punti in un colpo solo a mister Pirone. È questa una svolta fondamentale nella stagione, soprattutto sul piano di una ritrovata convinzione nei propri mezzi. La Seleçao la settimana successiva impegna severamente in casa la capolista Futsal Monza: perde 2-0 ma gioca una delle partite più belle del suo campionato, meritando di strappare almeno un punto. Sul piano del risultato va male anche il recupero di Adro contro il Clusane (5-2), ma Luca Loreto e compagni non si perdono d’animo. Sanno che dovranno soffrire sino al termine del campionato e, a questa sofferenza contribuisce anche il “farraginoso” successo esterno (5-3) sul Tony San Donato ancora a zero punti.
Farraginoso, ma importantissimo: si avvicinano le partite che valgono una stagione, con lo spauracchio play-out ancora tutto da evitare. Si comincia con il match interno contro la Ricerca e Sviluppo, in piena corsa per i play-off. La Seleçao è quella brillante e agguerrita vista al cospetto del Futsal Monza: partita pressoché perfetta, guidati da una grande prestazione in fase difensiva e dalla tripletta di Borgonovo i canarini si impongono per 4-0.
Questa volta, però, è veramente obbligatorio dare continuità a questo successo per non vanificare tutto.
E finalmente la continuità arriva: a San Giorgio Piacentino il Diogene deve soccombere 9-6, con tris di Selmi e doppiette di Ferri e Dellon. Durante il match non mancano momenti di difficoltà, ma questi tre punti devono a tutti i costi prendere la strada di Sesto San Giovanni… e prendono la strada di Sesto San Giovanni.
Manca ora un solo punto alla Seleçao Libertas per la matematica salvezza, e mancano due giornate al termine del campionato. Questo fatidico punto arriva al termine di una partita “strappacoronarie”, contro il Marassi Cinisello: tra le mura amiche i sestesi faticano, restano sempre sotto nel punteggio. A 5 minuti dalla fine perdono 4-2, ma vengono rinvigoriti dalle zampate di Ferri e Dellon. Il 4-4 fa partire la festa: meno roboante di quella di 12 mesi prima per la promozione, ma altrettanto sentita.
30 marzo 2006: la matricola Seleçao Libertas Calcetto resta in Serie C2. Viste le tante peripezie, la si può considerare una piccola grande impresa.
A salvezza messa in cassaforte, la Seleçao chiude il campionato vincendo 6-4 in casa del Real Comes. Per i canarini c’è l’ottavo posto nel girone con 35 punti (10 vittorie, 5 pareggi, 11 sconfitte): miglior realizzatore della squadra è Marco Borgonovo, con il ragguardevole bottino di 38 gol.

Ora si può pensare ai festeggiamenti per il decimo compleanno della Seleçao Libertas Calcetto, che sono insieme anche i festeggiamenti per la buona riuscita della prima annata della Scuola Calcio a 5. Alla fine del corso, tenuto dagli istruttori Claudio Cagnetta, Fabio Marzagalli e Carlo Spiga, i bambini iscritti sono stati 8, tra cui una bambina di 11 anni.
Il gioioso appuntamento è per domenica 11 giugno 2006 con un’intera giornata baciata dal sole e dedicata al calcio a 5 presso il Centro Falck Tennis di via General Cantore.
Al mattino triangolare con Rondò Dinamo, Extra Sport e i bambini della Scuola Calcio Seleçao. Al pomeriggio la seconda edizione di “Primi Calci… a 5” invasa dall’entusiasmo di oltre 50 tra bambini e ragazzi, inebriati dal Mondiale appena iniziato ma anche e soprattutto dall’entusiasmo di giocatori, tecnici e dirigenti Seleçao, del presente e del passato, che si sono messi a disposizione dei più piccoli. Un torneo con le “vecchie glorie” canarine e l’immancabile grigliata hanno completato la festa.

Stagione 2006-2007

Tutto è pronto per la stagione delle conferme: la prima squadra affronta per la seconda volta il campionato di serie C2, cercando di conseguire ancora una salvezza diretta, magari un po’ meno sofferta di quella della stagione appena conclusa; il “neonato” settore giovanile cerca conferme e stabilità, riproponendo per il secondo anno i corsi di C5 riservati a bambini e bambine dai 6 ai 13 anni.
La nota più positiva della stagione è rappresentata proprio dalla Scuola C5 che vede ben 20 iscritti (contro i soli 8 “pionieri” della passata stagione), equamente suddivisi tra le due fasce d’età previste. L’attività giovanile ha il suo culmine nella giornata di domenica 4 marzo 2007, con la trasferta nel Veneto a Cornedo Vicentino (il Veneto è una delle regioni italiane dove il C5 giovanile è più sviluppato) per la disputa del “Memorial Maurizio Trentin”, torneo riservato alle categorie Pulcini ed Esordienti, organizzato dalla Star Deco Cornedo (serie B) e con la partecipazione anche del Petrarca Padova (serie A2).

Sul fronte della prima squadra invece si salva solo il risultato finale che vede il raggiungimento dell’obiettivo prefissato ad inizio stagione (la permanenza in serie C2), risultato ottenuto però attraverso una stagione travagliata e difficile, affrontata con problemi ricorrenti di organico, visto che alcuni “senatori”, per qualche “magagna fisica” e/o per problematiche familiari o professionali, fanno fatica a dare la necessaria continuità di presenza, e si è quindi costretti a “buttare nella mischia” alcuni giovani e giocatori poco avvezzi al calcio a cinque. Si è quindi giunti alla fine di un ciclo, per cui per la nuova stagione sarà necessario dare una svolta decisa ed intraprendere nuove strade.

Stagione 2007-2008

La svolta passa dal cambio alla conduzione tecnica della prima squadra: il nuovo allenatore viene individuato in Alberto Guerriero (dopo la “meteora” Mario Murrai, che guida la squadra per la sola durata del Torneo di Rho disputato nel mese di giugno). Si privilegia quindi una scelta “interna”, che vede il cambio di ruolo di uno storico componente della Seleçao, che dismette le scarpe da calcetto per indossare i panni, a volte scomodi, del mister.
La scelta si rivela più che azzeccata: la grinta ed il carisma del “puma” (il nomignolo che Alberto si è conquistato sul campo e che ha confermato anche in panchina), unite alle sue competenze e capacità tecnico/tattiche, fanno di lui il condottiero giusto per guidare la “nuova” Seleçao, una squadra profondamente rinnovata e ringiovanita, con l’innesto di elementi di grande qualità come Marco Cambiaghi, Gianguido Brambilla (entrambi con esperienze pluriennali in serie B) e Claudio Cagnetta (di ritorno dalla Valprint, dopo essere stato il nostro bomber della promozione in serie C2 nel 2004-05) e di giovani speranze (Carlo De Andreis, Costantino Di Canio, Marzio Grotti, Felice Malito, Christian Micheletti), che vengono affiancati alla “struttura portante” della squadra, i confermati Alberto Bianchi, Luca Loreto, Stefano Ferri, Marco Furrer, Pietro Genovese, Giuseppe Mianulli.
Il girone di serie C2 è come sempre quello che raggruppa le squadre delle province di Bergamo, Milano (zona Est) e Piacenza: un girone da “far tremare i polsi”, secondo gli addetti ai lavori quasi una sorta di “C1-bis”. Visto anche l’innalzamento del livello qualitativo del girone, l’obiettivo societario è quindi sempre lo stesso: conseguire la salvezza in C2, possibilmente con il minore patema possibile.
L’annata si rivela da subito straordinaria: per la prima volta nella propria storia si passa il primo turno di Coppa Lombardia (arrivando ai quarti dove si viene eliminati dai Saints Pagnano di Merate, che saranno poi i vincitori della manifestazione); ma soprattutto in campionato si “veleggia” stabilmente nelle prime posizioni in classifica, accarezzando anche sogni fino a questo momento neanche minimamente immaginabili, cioè la promozione diretta in serie C1.
Al termine della “regular season” si raggiunge un incredibile terzo posto, piazzamento che garantisce l’accesso ai playoff per la promozione in serie C1: questa nuova avventura finisce però subito con la sconfitta contro il Real Tribiano, sconfitta che, nonostante un po’ d’amaro in bocca, non intacca in alcun modo la fantastica stagione disputata.

Sul fronte del settore giovanile, si cercano conferme dei buoni risultati ottenuti con la stagione passata, mantenendo costante il numero di iscritti intorno alle 20 unità. Anzi si registra per la prima volta la partecipazione di una nostra squadra ad un campionato FIGC giovanile (il “Torneo Primaverile Giovanissimi”, con la partecipazione di 6 squadre). Da un punto di vista dei risultati non è un’esperienza positiva (10 sconfitte su 10 partite, con “scoppole” anche pesanti nel punteggio), ma rappresenta comunque il raggiungimento di un ulteriore traguardo societario.
Il primo gol in assoluto della Seleçao in un campionato FIGC giovanile è siglato da Gaetano Germinario, accompagnato dai compagni Alessandro Re, Marco Gambadoro, Andrea Suffada, Andrea Vorraro, Davide Chiapperini, Andrea Miragoli: a tutti gli effetti i 7 “pionieri” dell’avventura della Seleçao nel C5 giovanile in FIGC.

Stagione 2008-2009

La nuova stagione parte con un inaspettato “inciampo” nel percorso di crescita del Settore Giovanile: anzi una vera e propria “brusca frenata” che, dopo tre anni di vita, mette in discussione l’esistenza stessa della Scuola C5.
Praticamente la fascia d’età dei più grandi (quelli che hanno 13-14 anni ed hanno partecipato allo scorso campionato FIGC Giovanissimi) si azzera, a causa della mancanza di nuovi iscritti che possano “rimpolpare” una rosa troppo ristretta per poter rinnovare l’impegno della partecipazione ad un campionato ed al conseguente abbandono dei “7 pionieri” che decidono allora di migrare in altre realtà (squadre FIGC di C11, piuttosto che CSI di C7).
È una brutta “tegola”, anche perché contemporaneamente si registra una flessione pure nelle iscrizioni dei più piccoli (fascia 6-10 anni), ma nonostante queste difficoltà si mantiene l’impegno nello sviluppo di una Scuola C5, anche solo con i 9 iscritti rimasti (è a tutti gli effetti come essere ritornati all’inizio, alle difficoltà del primo anno con i soli 8 iscritti). Si è consapevoli che questi numeri non consentono di svolgere un’attività ottimale, ma la determinazione societaria è quella di “stringere i denti” e andare comunque avanti, perché un eventuale “stop” definitivo dei corsi, anche solo per un anno, potrebbe invece rappresentare il “colpo mortale” ad ogni velleità di avviare un settore giovanile stabile di C5.
Queste difficoltà fanno maturare una decisione “visionaria”, non senza una buone dose di incoscienza: la convinzione che per dare stabilità all’affermazione di una Scuola C5 (un vero e proprio “vaso di coccio” immerso in un mare di società FIGC di C11 e di società CSI oratoriane di C7) sia necessario svolgere un’azione “culturale” che permetta di far conoscere veramente la disciplina sportiva del “calcio a 5”, affrancandola dallo scomodo paragone/confronto con il calcio a 11.
Come? Andando ad intervenire direttamente alla base dell’apprendimento, cioè iniziando ad operare in prima persona all’interno della Scuola Primaria e Secondaria, nel normale orario scolastico ed extra-scolastico. Si pongono quindi le basi di quello che sarà il progetto “Mini C5”.

Sul fronte della prima squadra si vuole ripartire dagli ottimi risultati appena ottenuti, confermando il tentativo di raggiungere i playoff per puntare alla promozione in serie C1.
La rosa si indebolisce sensibilmente con l’abbandono contemporaneo di Gianguido Brambilla, Claudio Cagnetta e Carlo De Andreis, rimpiazzati con il solo innesto significativo del rientro di Igor Bassi. In compenso anche il livello qualitativo del campionato è inferiore rispetto alla stagione precedente, per cui si riesce comunque a conseguire il raggiungimento dei playoff, grazie al quinto posto conclusivo.
L’epilogo della stagione è il medesimo dell’anno precedente, con la sconfitta alla prima partita dei playoff, questa volta contro il PCG Bresso, squadra che poi conseguirà la promozione in C1 e negli anni successivi addirittura alla serie B nazionale.
L’annata è stata però meno entusiasmante rispetto alla stagione precedente. Anzi, si respira un po’ di “stanchezza” dopo due stagioni vissute “al massimo”.
Si opta quindi per un nuovo cambiamento di rotta, complice anche la soffertissima decisione di separarsi dal mister Alberto Guerriero (dopo ben nove anni di permanenza del “puma” nella Seleçao), dividendo le proprie “strade sportive” e consentendo così a ciascuno di poter conseguire gli obiettivi più consoni alle proprie capacità e/o aspettative. Contemporaneamente anche Stefano Ferri è tentato da una nuova esperienza su un “palcoscenico” più prestigioso, decidendo di passare alla società ACSI Aurora di Milano, che parteciperà al campionato di serie B nazionale.
Bisogna quindi trovare un nuovo mister che possa continuare il lavoro fin qui svolto dal “puma”, nonché integrare la rosa per tentare di rinforzarla, non facendo rimpiangere le perdite consistenti. La scelta cade su Carlo Spiga, ex di Meneghina e Bocconi, ma soprattutto uno dei primi allenatori della nostra Scuola C5.

Stagione 2009-2010

La novità principale della stagione è l’ennesima “pietra miliare” societaria: la Seleçao ed il calcio a 5 entrano ufficialmente negli Istituti Scolastici sestesi, grazie al progetto “Mini C5”, che ha l’obiettivo dichiarato di introdurre la disciplina sportiva del Calcio a 5 in ambito giovanile scolastico attraverso il coinvolgimento di bambini/ragazzi, maschi e femmine, con un’attività sportiva svolta in orario curriculare e con accesso gratuito per le famiglie.
Il progetto “Mini Calcio a 5” è rivolto sia alla Scuola Primaria che alla Scuola Secondaria, strutturato in modo diverso per le due realtà interessate. In particolare:

  • Scuola Primaria: attività in orario scolastico dedicata alle classi che hanno aderito al progetto (bambini della stessa età, misti “maschi-femmine”). Ogni settimana (a “rotazione”) è prevista una lezione di un’ora per classe, per un totale di 8-9 lezioni complessive per classe nel corso dell’intero anno scolastico
  • Scuola Secondaria: attività pomeridiana facoltativa in orario extra-scolastico, con accorpamento di età differenti (prime, seconde, terze insieme). Ogni settimana sono previste lezioni da due ore (uno o due giorni a settimana), suddividendo i bambini iscritti in gruppi distinti (in caso di più giorni alla settimana)

Hanno aderito al progetto la Scuola Primaria “Martiri della Libertà” (Via Martiri della Libertà, 8 – Sesto S.G.) e la Scuola Secondaria “Don Milani” (Via Cavallotti, 88 – Sesto S.G.).
Le attività, che sono durate per tutto l’anno scolastico, hanno visto il coinvolgimento attivo di circa 250 alunni: 205 della Scuola Primaria (componenti delle 9 classi che hanno aderito al progetto) e una quarantina della Scuola Secondaria. La realizzazione del progetto è stato possibile anche grazie al sostanziale contributo economico fornito dalla Fondazione Comunitaria Nord Milano, che ha finanziato il 50% dei costi complessivi.

Il rilancio della Scuola C5, dopo l’anno interlocutorio (per non dire “drammatico”) appena trascorso, è legato sia agli auspici di un buon risultato del progetto nelle scuole “Mini C5” (i cui frutti sono però in prospettiva…), ma anche alla scelta precisa di non disperdere energie su fronti troppo ampi, ma di operare una rifocalizzazione, concentrandosi solo su una fascia d’età ben precisa: i nati negli anni 2003-2004, cioè la fascia d’età 6-7 anni. Questa decisione porta i risultati sperati, con l’iscrizione di 14 bambini, che vanno a formare un nuovo “zoccolo duro” per gli anni a venire. Gli istruttori cui è affidato il delicato compito di appassionare al C5 i bambini e quindi “fidelizzarli” sono Ambrogio Romagnoli e Marco Santomauro.
Un aiuto al nuovo rilancio della Scuola C5 è dato anche dalla nuova sede logistica dei corsi, decisamente più adatta per lo svolgimento di uno sport tipicamente “indoor”: si abbandona il campo da calcetto del Centro Sportivo Falck-Tennis (in erba sintetica, coperto solo nei mesi invernali) per accasarsi presso la palestra della Scuola “Don Milani” (guarda caso, proprio una delle Scuole che hanno aderito al progetto “Mini C5”…). La nuova sede delle attività giovanili si rivela un “volano” per il rilancio della Scuola C5, sia per la centralità della sua ubicazione, ma anche per il fatto che gli spazi offerti da una palestra sono più “accattivanti” per le famiglie rispetto a quanto offerto da un campo all’aperto o, al massimo, coperto con un “pallone”.

Sul fronte della prima squadra invece, l’annata si conferma purtroppo per quello che si temeva: una vera e propria sofferenza.
L’allestimento di una rosa adeguata alla disputa di una campionato di serie C2 procede con fatica. È infatti difficile trovare nuovi giocatori, possibilmente giovani, che abbiano già le conoscenze ed il ritmo necessari per calarsi da subito in un campionato impegnativo di C5. Si rischia anzi di essere buttati “allo sbaraglio”, tra l’altro con il difficile compito di dimostrarsi all’altezza di una storia recente di successi (la Seleçao è ormai una realtà storica del C5 lombardo e, negli 2 anni precedenti, si è rivelata una squadra di vertice della serie C2), cercando di non far rimpiangere troppo i propri predecessori.
Tra le novità in organico si registrano il portiere Matteo Turi (l’unico innesto in rosa già con esperienza nel C5), Alessandro Riva (dopo un anno di “non adattamento” al C5 giocato, diventerà un prezioso dirigente), Matteo Manico (classe 1990, ex centrocampista della Pro Sesto “Berretti”, campione d’Italia della categoria) e suo fratello Federico (classe 1989, portiere con enormi potenzialità, ma esperienza solo nel C11). L’arrivo di 2 portieri serve per rimpiazzare l’ennesimo addio al calcetto giocato: Alberto Bianchi (il “biansci”) decide infatti di dismettere i guanti da portiere, per fare il preparatore dei portieri, nonché l’allenatore in seconda.
Come si diceva, purtroppo l’adeguamento dei nuovi innesti alla realtà del C5 si rivela più lungo e difficile del previsto, cosa che, complice la scarsità di risultati, porta sfiducia nell’ambiente. Il primo a farne le spese è il mister Carlo Spiga che, perdendo progressivamente il necessario entusiasmo per questa difficile avventura, dopo 7 giornate decide di “farsi da parte”. Decisione che con il passare del tempo verrà presa anche da molti giocatori, soprattutto tra i nuovi arrivati, che mai si sono veramente adattati al C5.
Alberto Bianchi si vede quindi “costretto” a prendere in mano una situazione veramente difficile ed a cercare di imbastire i presupposti per una difficile salvezza, che passi necessariamente dai playout. Il Biansci riesce nell’impresa di risalire da una situazione più che compromessa (al termine del girone d’andata la squadra era ultimissima in classifica con soli 3 punti e la poco incoraggiante sequenza di ben 12 sconfitte consecutive), raggiungendo il terzultimo posto finale, necessario per la partecipazione ai playout e dunque tentare di acciuffare la salvezza per i capelli.
Purtroppo nella storia della Seleçao, che si parli di playoff o di playout, la sostanza è sempre la stessa: alla fine si registrano solo cocenti delusioni e sconfitte.
Questa volta l’amaro in bocca è lasciato dalla constatazione che, fino a 4 minuti dalla fine della partita di ritorno contro la Vimodronese, l’impresa della salvezza era stata incredibilmente compiuta. Invece in quei “maledetti 4 minuti” c’è stato un altrettanto incredibile ed inspiegabile black-out, che ha permesso ai nostri avversari di segnare ben 3 reti, ribaltando il risultato dal 3-2 per noi (salvezza Seleçao) al 5-3 per loro (salvezza Vimodronese).
Così, dopo ben 5 anni di permanenza consecutiva in serie C2, tra alti (i due playoff consecutivi) e bassi, si torna in serie D. È un nuovo inizio, anche perché bisogna necessariamente ricostruire una prima squadra, “devastata” dalla fallimentare stagione e numericamente “ridotta all’osso”.

Stagione 2010-2011

Il rilancio del Settore Giovanile prosegue, andando ben oltre le previsioni.
Viene infatti riproposto il progetto “Mini C5” (ancora con il finanziamento, di una parte dei costi, erogato dalla Fondazione Comunitaria Nord Milano), con le medesime modalità rispetto all’anno scolastico appena terminato, visto il gradimento da parte dell’Istituzione Scolastica (Dirigente e Insegnanti) dell’attività svolta. Un dato significativo è infatti l’incremento delle classi della Scuola Primaria che hanno deciso di aderire al progetto: da 9 classi dell’Anno Scolastico 2009/2010 alle 15 classi complessive per quest’anno.
Anche la Scuola C5 registra un incremento “esponenziale” delle iscrizioni, sia grazie ai primi frutti del progetto “Mini C5”, che grazie al “passaparola” dei 14 iscritti della stagione 2009/2010: si contano ben 45 iscritti (quindi 3 volte in più rispetto alla stagione precedente), di cui 29 nati nel 2002-2003 (fascia d’età 7-8 anni) e 16 nati nel 2004-2005 (fascia d’età 5-6 anni).

Sul fronte della prima squadra c’è invece da operare una vera e propria ristrutturazione, per non dire una “nuova partenza”.
Si decide di unire le proprie forze con lo “zoccolo duro” (sia dirigenti, che giocatori) che negli anni ha portato avanti diverse realtà di C5, negli ultimi anni la società Amatese in serie D. Questa scelta permette di incrementare sostanzialmente la rosa, nonché di integrare i quadri dirigenziali con persone già esperte.
La scelta effettuata, sulla carta ineccepibile e con più luci (vantaggi) che ombre (punti di attenzione), si rivela invece un po’ avventata. Il nuovo assetto societario, sia nella dirigenza che nella rosa dei giocatori, vede infatti la presenza di 2 blocchi compatti (gli ex-Seleçao e gli ex-Amatese), dove le dinamiche sono da presidiare e governare con molta attenzione. È fondamentale che in questa situazione ci sia piena fiducia e sintonia tra i vari componenti dirigenziali, soprattutto coloro che operano nell’area tecnica.
Così non è, e le cose non funzionano, non solo dal punto di vista dei risultati che tardano a venire, ma soprattutto dal punto di vista dell’integrazione e dell’armonia nell’ambiente. C’è il rischio, con il passare dei giorni, di verificare (come successo nella passata “terribile” stagione) un nuovo “fuggi-fuggi” generale, soprattutto nel gruppo degli ex-Seleçao.
Per tamponare il precipitare di una situazione ogni giorno sempre meno sostenibile, il presidente Sergio Noseda decide, dopo solo 5 giornate di campionato, di sollevare dall’incarico di allenatore della prima squadra Roberto Olivetti (ex tecnico dell’Amatese), affidando la “panchina” ad Alberto Bianchi, coadiuvato da Alessandro Riva come preparatore atletico ed allenatore in seconda (il “biansci” si ritrova quindi per il secondo anno consecutivo a subentrare all’allenatore designato ad inizio stagione per prendere in mano e gestire situazioni/ambienti compromessi). Questa decisione genera nel brevissimo termine una “reazione a catena” che vedrà l’abbandono progressivo della Seleçao da parte di quasi tutti coloro arrivati tramite la “fusione” con l’Amatese (resistono solamente Enrico Cerea, Giuseppe Taverniti ed Emanuele Brenna, quest’ultimo in realtà in prestito dalla Domus Bresso).
Il Biansci anche questa volta riesce nell’impresa di risalire da una situazione più che compromessa (l’obiettivo iniziale di riconquistare subito la serie C2 è ormai irraggiungibile), riuscendo a conseguire, grazie ad un girone di ritorno da “prima della classe”, il quinto posto finale, necessario per la partecipazione ai playoff e dunque per provare ad acciuffare la serie C2 tramite la “porta di servizio” dei ripescaggi.
La tradizione negativa nei playoff/playout si conferma anche questa volta: il doppio confronto contro il Futsal Boca di Zelo Buon Persico si conclude con l’eliminazione e la preclusione ad ogni velleità di ripescaggio (l’ulteriore amara beffa è rappresentata dal ripescaggio in C2 dei nostri avversari).
L’ottimo lavoro svolto nella seconda metà della stagione ha comunque permesso di anticipare i tempi per l’allestimento della nuova rosa, tanto che a fine giugno (cosa che non accadeva da ormai troppi anni) ogni decisione è già stata presa.
Il nuovo assalto alla serie C2 verrà guidato dal “biansci”, ancora coadiuvato dal fido Alessandro Riva, e vedrà una rosa composta dai confermati Gianguido Brambilla, Emanuele Brenna, Marco Cambiaghi, Ivan De Meo, Michele Gemelli, Marzio Grotti, Luca Loreto, Federico Manico, Matteo Manico, Christian Micheletti, Giuseppe Taverniti, e sensibilmente rinforzata con gli innesti di Claudio Cagnetta (ennesimo ritorno del nostro storico bomber), Paolo Caggiano (anche lui di ritorno, dopo essere stato il nostro bomber nell’ultima stagione in serie C2, con ben 20 reti realizzate in appena mezzo campionato disputato), Jacopo Giuntini, Lorenzo Leone (entrambi dal disciolto Sporting Milano), Gianluca Lodi, Gionata Rovida (entrambi dal CGB Brugherio), Marco Atripaldi (dalla COB, prima categoria C11).
Questa rosa è già stata “testata” con successo nei mesi di maggio-giugno nel Torneo FIGC “Svuollas 2011” (squadre partecipanti: Aureliana – vincitrice serie D girone C; Galacticos – vincitrice playoff serie D girone C; Futsal Carugate – ai “piedi” dei playoff di serie D girone C;), torneo che ci ha visto primeggiare grazie a 5 vittorie in altrettante partite disputate. Le premesse per la stagione 2011/2012 sono quindi più che buone.

Stagione 2011-2012

La prima squadra affronta la stagione con l’obiettivo dichiarato di centrare la promozione in Serie C2, possibilmente vincendo il proprio girone in modo da evitare l’eventuale “coda” dei playoff, dove non si è mai riusciti a ben figurare.
Nonostante una rosa all’altezza del compito, la stagione vive di “alti e bassi” precludendo quindi il raggiungimento dell’obiettivo “alto”; anzi, anche la qualificazione ai playoff (obiettivo “di riserva”) ad un certo punto della stagione sembra compromessa, venendo alla fine conseguita al fotofinish solo grazie ad un “colpo di reni” finale (quinto posto in classifica, ultimo disponibile, raggiunto all’ultima giornata della “regular season”).
Con queste premesse, lo spettro dell’ennesimo playoff negativo e dell’ennesima delusione è più che concreto e tutti i timori sembrano materializzarsi dopo la prima partita della semifinale contro la Vimodronese (proprio lei, la “bestia nera” della retrocessione in serie D): sconfitta in casa, seppure di misura, per 3-2.
Per ribaltare la situazione serve quindi una vera e propria impresa: così è! Vittoria fuori casa per 5-3 con una prestazione collettiva maiuscola e conquista della finale playoff contro ogni pronostico.
L’euforia per il passaggio del turno (e per la “vendetta” postuma dei playout di due anni prima) è il motore che spinge la “macchina Seleçao” verso una doppia vittoria nella finale andata-ritorno contro il Futsal Chiuduno: vittoria (finalmente!) dei playoff e conseguente ritorno in serie C2.

Sul fronte dell’attività giovanile, si registra una “stagione di conferme”, con numeri del tutto paragonabili all’annata precedente, sia per la Scuola C5 che per il progetto nelle scuole. Unica novità nelle attività proposte è l’istituzione di un corso specifico per Portieri C5, che si affianca agli altri corsi della Scuola C5: a fine anno gli iscritti saranno una decina, segno che anche questa nuova iniziativa è di gradimento.
Questa “stabilità” viene interpretata come chiaro segnale di maturità nella proposta di C5 giovanile e come stimolo per continuare ad osare qualcosa di più.
Si decide quindi di ampliare la propria presenza sia nelle Scuole, con l’aggiunta di un nuovo Istituto Scolastico dove promuovere il C5, che nel settore giovanile della FIGC: è finalmente giunto il momento di creare la formazione Juniores (cioè under 18, dai 15 ai 18 anni).

Stagione 2012-2013

E proprio la formazione Juniores, che partecipa al proprio campionato FIGC di categoria, è la grande novità di questa Stagione Sportiva: per la prima volta (a parte la “meteora” della formazione Giovanissimi nel 2007-2008, che aveva partecipato ad un campionato FIGC a dir poco “sperimentale”) la Seleçao si trova ad affrontare un doppio impegno FIGC continuativo.
Questa ennesima sfida è a tutti gli effetti un’ulteriore “pietra miliare” nella storia giallo-verde: la formazione Juniores rappresenta infatti l’anello di congiunzione tra l’attività giovanile (presidiata ormai da anni con la Scuola C5) e la prima squadra, in quanto svolge il ruolo di “punto d’arrivo” del settore giovanile e serbatoio di nuovi giocatori giovani per la prima squadra (e nel corso della stagione si conteranno diverse convocazioni di giocatori Juniores in prima squadra…).
La squadra viene affidata a Ivan Ciufo e Marzio Grotti (che inizia così il proprio percorso per la carriera di allenatore), che affrontano l’impegno con entusiasmo per “plasmare” i ragazzi che hanno aderito all’iniziativa con altrettanto entusiasmo: da segnalare la presenza nella rosa di Andrea Suffada, uno dei 7 “pionieri” della squadra Giovanissimi del 2007-2008.
I risultati sportivi non sono eclatanti, sia per i tempi lunghi di adattamento dei giocatori alla nuova disciplina sportiva che per l’età stessa dei ragazzi (la maggior parte dei quali sono in età della categoria Allievi), ma sono comunque incoraggianti, soprattutto perché durante l’annata si registra un trend di crescita, con la “punta” nella Coppa Lombardia svolta a maggio, dove si sfiora il passaggio alla semifinale.
Inoltre due componenti della Juniores (Alessio Berta e Lorenzo Bulgarelli) vengono convocati in giugno nella Rappresentativa Lombarda di C5 Allievi, che partecipa a Fiuggi nel mese di giugno al neonato Torneo delle Regioni di C5 Allievi e Giovanissimi.

Sul fronte della Prima Squadra invece la stagione è da dimenticare: sulla carta c’erano tutte le premesse per affrontare un campionato di C2 senza troppi patemi ed invece l’annata si rivela disastrosa. Nel corso della stagione ci sono anche diversi momenti dove si potrebbe innestare un cambiamento di rotta, ma purtroppo non siamo mai in grado di cogliere appieno questi “attimi fuggenti”: così il campionato si conclude con l’ultimo posto in classifica e una retrocessione con pieno “demerito”.
Dopo un solo anno in C2 si torna quindi in serie D: senza drammi, ma con il sapore amaro di aver buttato via un anno e dover affrontare ancora una nuova risalita…
È doveroso segnalare l’addio al “calcetto giocato” di Luca Loreto, l’ultimo superstite ancora in attività della Seleçao degli esordi (1996-1997): l’ultima partita di campionato contro il San Biagio ha visto quindi il passaggio di consegne della “fascia di capitano”, che verrà ora indossata da Marzio Grotti.

La Scuola C5 si conferma per il terzo anno a livelli eccellenti: 45 iscritti suddivisi in 3 categorie di età (Piccolissimi Amici 2006-2007; Piccoli Amici 2004-2005; Pulcini 2002-2003), di cui 9 bambini iscritti anche al corso specifico per i Portieri.
È d’obbligo segnalare due eventi eccezionali che hanno visto protagonisti i nostri bambini:

  • Amichevole Italia-Portogallo a Treviglio il 12 febbraio 2013: in occasione del ritorno in Lombardia della Nazionale di Calcio a 5 (dopo 19 anni di assenza), nel pomeriggio è stata organizzata, direttamente dalla FIGC Divisione Calcio a 5, una Manifestazione dimostrativa di C5 giovanile. Non potevamo mancare!
  • Torneo AlterEgo Futsal Cup a S. Martino di Lupari (PD): un torneo internazionale di C5 giovanile (riservato alle categorie Pulcini, Esordienti e Giovanissimi) organizzato dai Campioni d’Italia della Luparense C5. Abbiamo partecipato con una formazione di 2003-2004 che hanno affrontato i “pari età” del Mouscron (Belgio) e, tra gli altri, della Luparense C5 (Campioni d’Italia 2011-2012) e della Marca Futsal (Campioni d’Italia 2012-2013)

Per quanto riguarda il progetto nelle Scuole, l’attività viene incrementata con l’avvio di un corso pomeridiano in orario extra-scolastico presso la Scuola Secondaria Dante-Falck, mantenendo comunque attivi i corsi “storici” presso la Scuola Primaria Martiri della Libertà e la Scuola Secondaria Don Milani.
Questo nuovo impegno è affrontato con la consueta serietà e con l’intenzione di aggiungere un nuovo “tassello fisso” nelle proprie attività: con questo obiettivo la società si è quindi proposta per accollarsi ogni onere economico per adeguare la palestra della Scuola (tra l’altro il palazzetto “di eccellenza” di Sesto San Giovanni, sede delle partite casalinghe del GEAS basket di serie A2 femminile) alla disputa del C5, sobbarcandosi le spese di tracciamento del campo e di fissaggio delle porte (queste ultime acquistate con il contributo della Scuola stessa).
Questa è l’ennesima testimonianza della ferma volontà di continuare ad investire nella promozione del C5 in orario scolastico, confermando anche per la prossima stagione l’impegno nelle tre scuole dove si è operato finora (e magari, aggiungendo anche un’ulteriore Scuola Primaria…).

Per la prossima stagione è finalmente giunto il momento di provare una nuova sfida: sulla base dell’attività consolidata in due Scuole Secondarie e della “solidità” della formazione Juniores, è ora di provare a ricreare la categoria Giovanissimi (ragazzi di 12, 13 e 14 anni), in modo che possa partecipare all’attività FIGC di categoria. Chissà che le adesioni possano premiare questo ulteriore sforzo!

Stagione 2013-2014

Purtroppo la “scommessa Giovanissimi” non si concretizza: nonostante l’attività promozionale svolta in due Scuole Secondarie non si riescono ad avere abbastanza iscritti per avviare anche questa categoria. Scommessa rimandata alle stagioni future, dove verrà certamente riproposta…

La Scuola C5 continua ad essere una conferma con numeri consolidati ed eccellenti: 58 bambini iscritti, nati dal 2002 al 2009. La difficoltà vera è quella di “farli giocare” con continuità, vista l’assenza pressoché totale di attività specifica in Lombardia.
Come negli anni passati, si è quindi “costretti” ad emigrare fuori regione: il Veneto e soprattutto gli amici della Luparense C5 (in primis, Angelo Robson Marani e Sandro Bragagnolo) sono sempre più spesso le nostre “ancore di salvataggio”.
Le iniziative più ghiotte e particolari cui abbiamo partecipato sono state:

  • Torneo a Bassano del Grappa, il 29 marzo: in occasione della Final Four della Peugeot Winter Cup
  • Venezia Futsal Cup a Caorle, dal 28 giugno al 5 luglio: torneo internazionale di C5 giovanile di una settimana, dove siamo andati con una formazione di 2003-2004-2005

Per quanto riguarda la formazione Juniores, affidata al confermato Marzio Grotti coadiuvato da Emanuele Brenna, l’inizio della stagione conferma i progressi evidenziati durante la Coppa Lombardia dello scorso maggio-giugno.
Verso la fine del girone d’andata però qualcosa s’inceppa: si inizia ad assistere ad una progressiva e difficilmente spiegabile involuzione tecnico-tattica della squadra che porta ad un girone di ritorno disastroso, che praticamente “azzera” quanto di buono fatto in un anno e mezzo. Il quart’ultimo posto alla fine del campionato non accontenta nessuno, ma è uno stimolo a perseverare nella costruzione di una “solida” Juniores, che possa essere un reale “bacino di utenza” per la Prima Squadra.

Proprio la Prima Squadra è fonte di gioia, raggiungendo l’obiettivo prefissato ad inizio stagione: il ritorno immediato in C2!
Il cammino non è così agevole come si poteva presumere, visto l’allestimento di una “rosa giocatori” da categoria superiore. Anzi…
I risultati altalenanti, i 7 punti di distacco dalla capoclassifica e il quinto posto a gennaio, intruppati in piena “bagarre” del gruppone di centro classifica, mettevano a serio rischio anche il raggiungimento dei playoff, obiettivo minimo.
E invece, anche qui scatta qualcosa (in positivo, a differenza della Juniores) e si inanella un girone di ritorno superbo (10 vittorie, un pareggio ed una sola sconfitta) che all’ultimo secondo dell’ultima partita di campionato concretizza la splendida rimonta con il sorpasso finale ai danni del Basiglio Milano3.
Il finale di stagione è infatti degno dei migliori thriller, quando le partite decisive si giocano in contemporanea, con la Seleçao che affronta la “facile” trasferta di Vidigulfo contro l’Agon (fanalino di coda a zero punti) ed il Basiglio in casa dell’Ippogrifo Milano Est, impegno ostico ma non proibitivo, contro una squadra ormai fuori dai giochi playoff che quindi non ha più nulla da chiedere al campionato (ma non ha neanche nulla da perdere…).
La Seleçao sbriga facilmente la propria pratica (vittoria per 11-4), ma non basta: bisogna sperare nella contemporanea sconfitta del Basiglio che in classifica ha un vantaggio di due punti. E il Basiglio soffrendo la sindrome del “braccino del tennista”, getta al vento un campionato giocato da protagonista fino ad un paio di partite dalla fine, subendo all’ultimo minuto di recupero il gol del 3-2 che decreta una doppia sconfitta: della partita, ma soprattutto del campionato con il sorpasso all’ultimo respiro da parte della Seleçao, che può legittimamente fare festa.

La festa diventa anche “istituzionale”, quando sabato 7 e domenica 8 giugno arriva il momento di celebrare il raggiungimento della “maggiore età” della Seleçao (fondata nel “lontano” luglio 1996): teatro dei festeggiamenti il PalaSesto (il più prestigioso impianto sportivo indoor della città), trasformato appositamente in un’arena di Calcio a 5.
Nel corso della “due giorni”, che chiaramente ha avuto una connotazione prettamente sportiva, i tesserati Seleçao di tutte le età hanno avuto modo di calcare il campo di Calcio a 5 appositamente montato per l’occasione, sfidando in mini-tornei a carattere amichevole altre realtà calcistiche sestesi e compagini di Calcio a 5, tra cui la Luparense C5 (per una volta, finalmente nostra ospite).
Si sono succeduti sul campo, praticamente senza soluzione di continuità:

  • Piccoli Amici 2006-2007: Seleçao “gialla”, Seleçao “verde”, Cometa Como, OSL Sesto
  • Pulcini 2004-2005: Seleçao, Cometa Como, Rappresentativa Valtellina
  • Pulcini 2003: Seleçao “gialla”, Seleçao “verde”, Football Sesto 2012, Luparense C5
  • Giovanissimi (12-14 anni): Scuola Dante-Falck, Scuola Don Milani
  • Juniores (15-18 anni): Seleçao, Lecco C5, Real Cornaredo
  • Serie C2: Seleçao, ACSI Aurora Milano

La manifestazione è stata dunque focalizzata soprattutto sull’attività giovanile, sicuramente il nostro “fiore all’occhiello”, che ci vede purtroppo, come ormai troppe volte sottolineato, ad essere una sorta di “mosca bianca” nel panorama lombardo.
Proprio per dare impulso al movimento di C5 giovanile in Lombardia, nella mattinata di sabato 7 giugno, presso l’Auditorium BCC di Viale Gramsci, siamo stati gli artefici dell’organizzazione di un importantissimo e fondamentale incontro tra i responsabili FIGC del progetto “IO CALCIO A 5” e le società lombarde di C5; scopo dell’incontro è stato quello di illustrare il progetto che prevede protocolli di collaborazione con le Istituzioni Scolastiche per la promozione e la diffusione del Calcio a 5 (o meglio, del FUTSAL) in ambito scolastico e la conseguente diffusione sul territorio di Scuole di C5.
Al convegno hanno partecipato 8 società tra le circa 120 invitate: probabilmente avrebbero potuto essere di più, ma anche queste poche società, con il loro impegno, potranno essere la linfa per dare finalmente vita anche in Lombardia ai primi “embrioni” di campionati giovanili di Futsal, soprattutto nella fascia “non agonistica”.
Probabilmente la celebrazione del “Compleanno Seleçao” è stata quindi la miccia per avviare lo sviluppo di un nuovo avvincente capitolo per il futsal giovanile lombardo: l’imminente nuova stagione sportiva potrà dare una risposta, si auspica positiva, in merito.

Stagione 2014-2015

La stagione si apre con una grandissima e inaspettata novità! Nel mese di luglio si viene contattati da un gruppo di ragazze che vogliono formare una squadra per partecipare ai campionati amatoriali di C5 femminile che si svolgono a Milano nel circuito “Lady Soccer League”. La proposta è per l’appunto inaspettata, ma dopo pochi incontri per analizzare la fattibilità della cosa, si prende la decisione di intraprendere questa nuova avventura: in casa Seleçao si spalancano quindi le porte del C5 femminile, un “universo” finora del tutto sconosciuto.
La squadra, formata da 15 ragazze, viene affidata ad Ambrogio Romagnoli, coadiuvato da Marco Santomauro (un ritorno per lui, che ha iniziato come istruttore della Scuola C5 nel 2009/2010). Da un punto di vista dei risultati la stagione è deludente, visto che nel campionato si riescono a racimolare solo quattro pareggi; anche nei tornei primaverili di fine stagione le cose non vanno molto meglio, anche se si inizia a intravedere qualche timido miglioramento. Ma il gruppo di ragazze, che a inizio anno sembrava molto affiatato, a fine stagione si ritrova un po’ disunito, facendo mancare i presupposti (e soprattutto i numeri…) per predisporre la squadra femminile anche per la stagione successiva.
Si decide quindi di interrompere dopo una sola stagione questo capitolo, anche se l’esperienza vissuta, per quanto nuova e difficile, è stata stimolante, facendoci scoprire un mondo molto vitale e ricco di tante realtà: per la squadra femminile potrebbe quindi non essere un “addio”, ma piuttosto un “arrivederci”.

Per quanto riguarda la Prima Squadra bisogna purtroppo segnalare l’ennesima delusione che culmina con l’ennesima retrocessione in serie D: sembra proprio che la serie C2 risulti del tutto indigesta, probabilmente da un punto di vista mentale.
La rosa allestita è infatti ritenuta all’altezza del proprio compito (la permanenza in C2), tanto che, alla fine di un girone di andata “altalenante”, la squadra si trova comunque in sesta posizione, ad un passo dal “treno playoff”. Ed invece il girone di ritorno, tradizionalmente uno dei “cavalli di battaglia” dei canarini, si manifesta come un incubo: la squadra si “pianta” letteralmente, riuscendo a racimolare solamente la miseria di 7 punti, che la fanno sprofondare lentamente ma inesorabilmente in zona playout.
L’incubo si concretizza con la doppia sfida playout contro il CGB Brugherio. La partita di andata è la perfetta fotografia dell’andamento schizofrenico nella “regular season” (sprazzi di bel gioco dove la partita appare saldamente nelle proprie mani, intervallata da blackout dove in pochi minuti si vanifica quanto di buono fatto…), concludendosi comunque con un incoraggiante pareggio in trasferta; la partita di ritorno è invece un vero e proprio “scempio”, con gli ospiti che violano facilmente la palestra Ferraris, sancendo definitivamente il ritorno in serie D, dopo un solo breve anno in C2.

Anche sul fronte Juniores la stagione è decisamente deludente: il campionato si chiude con un “anonimo” 11° posto (penultimi in classifica), cancellando repentinamente tutti i lenti, ma costanti, progressi che si erano conseguiti nelle precedenti stagioni. Il gruppo è giunto a tutti gli effetti a “fine ciclo”, visto che la maggior parte dei giocatori sono al loro ultimo anno in questa categoria, ed il ricambio è difficoltoso, con il “gap” dalla Scuola C5 (in termini di età) ancora troppo ampio. Si prospetta quindi uno “stop” per la formazione Juniores (ed un probabile passaggio alla categoria Under 21), in attesa che i ragazzini più grandi della Scuola C5 crescano, per diventare il “serbatoio naturale” di tutte le categorie giovanili agonistiche.

Perché la Scuola C5, con il lento ma inesorabile trascorrere delle Stagioni Sportive, sta continuando a progredire: i numeri degli iscritti sono sempre consistenti (47 bambini/ragazzi dai 6 ai 12 anni), ma soprattutto il gruppo Esordienti (10-12 anni) è ormai giunto alla soglia dell’attività agonistica: la prossima Stagione sarà quindi quella dove finalmente sarà possibile (come già detto, in modo “naturale”…) predisporre la squadra che parteciperà al campionato FIGC categoria Giovanissimi.

Stagione 2015-2016

Smaltita la delusione per la retrocessione, i canarini si presentano ai blocchi di partenza con l’obiettivo dichiarato di tornare subito in C2, anche se per i sestesi si prospettano una serie di lunghe e faticose trasferte, essendo stati inclusi nel girone che include la parte più a nord della Lombardia.
Salutati alcuni elementi della rosa, fanno il loro ingresso in squadra Alessandro Aliotta, Razvan Baican, Michael Pandolfino e, in corsa, Matteo Vaccarella (che dopo poche presenze lascerà il gruppo per motivi di lavoro). In panchina, il confermato mister Bianchi trova ad affiancarlo Ambrogio Romagnoli, che sostituisce Alessandro Riva, in viaggio intorno al mondo.
La stagione si apre subito col botto, con la sfida con un’altra delle probabili pretendenti alla vittoria finale, il Futsal Tubo Rosso, demolita con un 6-4 che non rende giustizia alla grande prestazione dei sestesi.
Nonostante l’ottima partenza, nelle prime giornate la Seleçao stenta a trovare la marcia giusta, ottenendo sì 7 punti in 3 giornate, ma faticando più del dovuto contro compagini tecnicamente meno “attrezzate”. Inoltre i canarini abbandonano subito la coppa Lombardia, con una doppia sconfitta contro il Carobbio.
Ciò che contraddistingue la formazione sestese è comunque un grande spirito di squadra, che consente ai canarini, anche senza sciorinare prestazioni troppo esaltanti, di chiudere in testa il girone d’andata, con uno “0” alla voce sconfitte; unico neo, la perdita per infortunio di Stefano Ferri dopo appena 7 giornate.
Purtroppo l’ingranaggio dei sestesi si inceppa per un attimo proprio nel momento clou quando, nella prima giornata di ritorno, i verde-oro cadono in casa del Futsal Tubo Rosso, che li scavalca di un punto in classifica, prendendosi la testa del girone.
La doccia gelata però scuote gli uomini di mister Bianchi, che infilano una serie di 10 vittorie consecutive, confermando la forte coesione del gruppo, capace di strappare alcune vittorie sul filo di lana. Purtroppo anche la capolista tiene lo stesso ruolino di marcia, laureandosi infine campione.
I giallo-verdi vedono quindi sfumare la promozione diretta per una sola lunghezza e, nonostante chiudano con 9 punti di vantaggio sulla terza classificata e con un abisso di 18 e 21 punti su quarta e quinta, devono comunque rimettere tutto in discussione cercando di guadagnare la promozione passando dai play-off.
Il primo turno dei play-off vede la Seleçao affrontare il Pusiano; un match sulla carta semplice ma proprio per questo estremamente insidioso, soprattutto perchè giocato dopo una lunga trasferta, all’aperto e su un fondo non familiare ai sestesi, con l’aggiunta di una pioggia torrenziale che cade per tutta la durata del match. I verde-oro però giocano una gara tutta grinta e sostanza e passano per 5-3, sciupando moltissime occasioni per ampliare il divario. Questo errore si rivela quasi fatale ai canarini, che nella gara di ritorno soffrono del classico “braccino” e, con una prestazione contratta e timorosa, vanno sotto anche di 3 gol, prima della reazione che, pur non evitando la sconfitta, consente alla Seleçao l’approdo in finale, col risultato di 6-5 per gli ospiti.
Nella sfida promozione, i sestesi affrontano l’Hickory di Lissone, già battuta due volte in campionato. Entrambe le formazioni dimostrano di avere più paura di perdere che voglia di vincere, mostrando un gioco disordinato e poco efficace e, dopo un punteggio altalenante, è l’Hickory a spuntarla per 6-5 al termine di una gara non bella da vedere.
Il ritorno è diametralmente opposto, le compagini si affrontano a viso aperto, esaltando il pubblico presente. Il match non è adatto ai deboli di cuore, ma i canarini, trascinati dal veterano Cambiaghi (alla sua ultima gara), arrivano al triplice fischio in vantaggio per 3-1, risultato che consente loro di festeggiare il nuovo ritorno in serie C2.

Se da una parte l’annata delle prima squadra è stata quasi perfetta, dall’altra si registra una pagina non esaltante per i ragazzi dell’Under21, impegnati nel campionato di Serie B dello Sportland, sotto la guida di Emanuele Brenna, affiancato da Mario Labate.
Partiti con grandi aspettative ed entusiasmo e con l’obiettivo minimo delle prime tre posizioni (valide per i play-off), dopo un buon avvio (con una larga vittoria all’esordio e 7 punti in 4 giornate), i giovani canarini, nonostante un buon bagaglio tecnico-tattico, mostrano fin da subito grossi limiti a livello di concentrazione e tenuta mentale, che li portano ad ottenere risultati altalenanti, contro formazioni spesso di gran lunga inferiori; l’annata per i sestesi si chiude con un anonimo sesto posto, alla metà esatta della classifica, e molti rimpianti.

Per quanto riguarda le attività giovanili, scendendo di età, finalmente è l’anno buono per ritornare a “calcare” i campi con la categoria Giovanissimi (dopo l’apparizione “meteora” nell’ormai lontano 2007/2008). Il gruppo, affidato alla guida di Ambrogio Romagnoli e Andrea Pavan, è molto numeroso (16 giocatori) anche se per la maggioranza formato da ragazzi “sotto età” e senza esperienze pregresse nel calcio, cosa che influisce notevolmente sui risultati sportivi, con “scoppole” anche pesanti nel punteggio, soprattutto contro le squadre maggiormente attrezzate e con più esperienza nella categoria (formate da ragazzi di 14 anni contro i nostri di 12 anni).
Ma non è tutto “grigio” in questo ritorno dei Giovanissimi, anzi: c’è la bellissima soddisfazione di vedere il proprio portiere Diego Noseda venire selezionato per far parte della Rappresentativa Lombarda di C5 Giovanissimi, che partecipa nel periodo Pasquale al Torneo delle Regioni di categoria in Val d’Aosta.

Venendo ai più piccoli dell’attività “non agonistica” (dai 5 ai 12 anni), la Scuola C5 continua ad essere una conferma con numeri ormai consolidati: 40 bambini iscritti, nati dal 2004 al 2011.
Inoltre, anche dal punto di vista delle attività istituzionali, finalmente inizia a muoversi qualcosa anche in ambito FIGC Lombardia. Grazie anche alla presenza sul territorio di altre Scuole C5 (soprattutto San Biagio di Verano Brianza, MGM di Morbegno, San Carlo Milano, Cometa di Cernobbio), dopo tanti anni di costante “lavoro sotterraneo” per trovare sponde in seno alla FIGC si riescono ad organizzare dei Concentramenti con cadenza quasi mensile: una vera e propria “rivoluzione copernicana” rispetto al nulla delle stagioni precedenti.

Per quanto riguarda il progetto nelle Scuole, dopo la bellezza di sei anni si interrompe la convenzione con la Scuola Primaria Martiri della Libertà e la Scuola Secondaria Don Milani, mentre si instaura una nuova convenzione con l’avvio in “pianta stabile” (dopo la sperimentazione del precedente Anno Scolastico) di un corso pomeridiano in orario extra-scolastico presso la Scuola Secondaria Breda.

Nella programmazione della Stagione Sportiva 2016/2017, l’annata deludente della Under21 contribuisce a spingere la società ad abbandonare temporaneamente questa categoria, aggregando alcuni elementi alla prima squadra.
La “cantera” Seleçao però rimane sempre attiva con le altre categorie giovanili: la categoria Giovanissimi, cui si aggiunge il neonato gruppo degli Allievi.

L’anno si chiude, infine, coi festeggiamenti per il ventennale della società; i protagonisti di due decenni di storia verde-oro celebrano la società e la Seleçao celebra i suoi campioni, in una “due giorni” di festa che vede scendere in campo “canarini” di ogni età, in un mix tra passato e futuro, tra nostalgia e entusiasmo.
La festa si rivela un grandissimo successo, con un’ottima affluenza di pubblico e, soprattutto, una grande partecipazione di chi, negli anni, ha portato il pappagallino sul petto e lo porta ancora nel cuore.

Stagione 2016-2017

Come programmato, la stagione vede ai nastri di partenza una nuova categoria: quella degli Allievi C5, che comprende ragazzi nella fascia d’età 14-16 anni.
Il gruppo è pressochè nuovo, a parte qualche ragazzo che per limiti di età è uscito dalla squadra Giovanissimi, per cui le prime partite sono oggettivamente difficili a causa del necessario adattamento al nuovo campionato, con sconfitte anche brucianti per l’ampio scarto di goal: la svolta avviene all’ultima partita del girone di andata con la prima “roboante” vittoria per 16-7 contro MGM Morbegno. Il girone di ritorno è infatti tutta un’altra musica, con il giusto mix di risultati: vittorie, pareggi e sconfitte “di misura” permettono agli Allievi di fare punti in classifica, acquisire la giusta esperienza e costruire solide basi per le stagioni successive.
Informazioni degne di nota: il primo goal storico in un campionato FIGC Allievi viene siglato da Ivan Lacania; la crescita sportiva del giovane talento Francesco Giannone (classe 2000, arrivato a dicembre), che nelle ultime giornate di campionato viene convocato stabilmente in Prima Squadra, riuscendo a segnare il suo primo goal in serie C2 nel giorno del suo 17° compleanno.

Durante la Stagione Sportiva, in modo abbastanza inaspettato, si concretizza la possibilità di avviare una nuova “primizia”: il primo campionato FIGC della categoria Esordienti C5 (10-12 anni). Organizzato nei mesi primaverili con la formula dei raggruppamenti, questo nuovo campionato vede la partecipazione di ben 8 formazioni; oltre ai “soliti noti” del C5 giovanile lombardo (oltre a noi, San Biagio C5, San Carlo Sport, MGM, Cometa), anche due “new entry” provenienti dal Calcio a 11 (purtroppo si riveleranno delle “meteore”…).
Grazie al lavoro pluriennale della nostra Scuola C5, siamo in grado di farci trovare pronti per questa nuova avventura: infatti, differentemente dai nostri tradizionali “nuovi inizi” dove abitualmente facciamo fatica ad adattarci e conseguire risultati, in questo caso anche la classifica premia i nostri ragazzi con un più che soddisfacente terzo posto, dietro alle sole squadre di C11 che, seppure non siano avvezze al C5, hanno comunque indubbiamente maggiore abitudine a giocare partite di campionato e quindi un “altro passo”.
Il primo goal storico (l’ennesimo…) in un campionato FIGC Esordienti viene siglato da Davide Villani.

Venendo alla categoria Giovanissimi (12-14 anni), prosegue l’attività ed il processo di adattamento a questo tipo di campionato: a prima vista i risultati sono ancora sconfortanti (continua a mancare il “primo punto” in classifica…), ma c’è la consapevolezza che il percorso di crescita, sebbene più lungo e difficoltoso rispetto a quanto ipotizzato, sia quello giusto. Per il secondo anno consecutivo, il portiere Diego Noseda viene selezionato per far parte della Rappresentativa Lombarda di Giovanissimi C5, che partecipa al Torneo delle Regioni di categoria in Puglia.

Concludiamo l’analisi del nostro movimento giovanile con i numeri dei più piccoli, cioè quelli dell’attività “non agonistica” (dai 5 ai 12 anni): si contano 40 bambini iscritti, nati dal 2004 al 2012, impegnati settimanalmente con allenamenti specifici e, con cadenza mensile, nei concentramenti FIGC.

Venendo ai “grandi” della Prima Squadra, l’ennesima nuova stagione in Serie C2 si dimostra più difficoltosa del previsto: convinti di avere allestito una rosa all’altezza per conseguire una salvezza tranquilla, bisogna invece fare i conti con la “dura realtà” di reiterate sconfitte (di cui 5 molto amare: di un solo goal, per giunta subito allo scadere…), che ci “inchiodano” all’ultimo posto, molto distanti dalla zona Playout (ultima “ancora di salvezza”…).
A metà febbraio sembra quindi tutto già scritto (retrocessione diretta in serie D), invece un incredibile “colpo di reni” ci permette nelle ultime 6 giornate di campionato di conquistare la bellezza di 13 punti (contro la miseria dei 5 punti racimolati nelle precedenti 16 partite…), recuperando Il Giardino Danzante e permettendoci di agguantare “per i capelli” i Playout.
I Playout si giocano ancora contro il CGB Brugherio (la “bestia nera” che due anni prima ci aveva sconfitto, facendoci retrocedere…). Nonostante la nostra tradizione negativa nei Playout, che ci hanno sempre visti soccombere, questa volta il doppio confronto ci premia, con due partite “tiratissime” (andata vittoria per 2-1; ritorno 1-1 ai supplementari) che rendono questa salvezza, seppure particolarmente sudata, alla fine molto “dolce” e “saporita”.
L’imminente Stagione Sportiva 2017/2018 ci vedrà dunque ancora ai nastri di partenza della Serie C2.

Stagione 2017-2018

La stagione inizia con la necessità di operare una scelta: la squadra Allievi è formata da poco più di una decina di ragazzi, metà dei quali non potrebbero più, per limiti d’età, partecipare alla categoria.
Nonostante l’attività di “scouting” per arruolare nuovi giocatori, non ci sono quindi i numeri per allestire due squadre per due categorie. Si decide allora di “sacrificare” per un anno la categoria Allievi ed iniziare una nuova avventura, iscrivendosi per la prima volta ad un campionato Nazionale organizzato dalla Divisione C5 della FIGC: il “neonato” campionato Under 19 (in sostituzione dell’Under 21).
Si partecipa con una squadra “sotto-età”, visto che metà dei componenti della rosa sarebbe della categoria Allievi e che la Divisione, per venire incontro alle società che erano pronte per un campionato Under 21, ammette per regolamento tre “fuori quota” del 1996 e 1997, cioè con 5-6 anni in più dei nostri ragazzi.
L’inizio è ovviamente difficile, ma durante l’annata si riesce a “mettere a punto” il motore, disputando un girone di ritorno in crescendo fino a ottenere 4 vittorie ed un pareggio, per un più che onorevole bottino di 13 punti. Tutta esperienza in vista delle prossime stagioni.
Informazioni degne di nota: il primo goal storico in un campionato FIGC Under 19 viene siglato da Francesco Giannone (che purtroppo si infortuna seriamente alla prima giornata di campionato, saltando l’intera annata…); la crescita sportiva del giovane talento Filiberto Ingrosso (classe 2000, arrivato a novembre), che viene selezionato per far parte della Rappresentativa Lombarda Under 19 C5, che partecipa al Torneo delle Regioni di categoria in Umbria.

Venendo alla categoria Giovanissimi (12-14 anni), dopo tre anni di attesa arrivano finalmente i primi punti in classifica: a fine campionato si conteranno 4 vittorie, che permettono di conquistare la terza posizione finale.
Per il terzo anno consecutivo, il portiere Diego Noseda viene selezionato per far parte della Rappresentativa Lombarda Giovanissimi C5, che partecipa al Torneo delle Regioni di categoria in Umbria: quest’anno non è l’unico “portacolori Seleçao” della categoria, dal momento che partecipa al torneo anche il laterale Gabriele Piermatteo, segno evidente che il movimento giovanile societario sta diventando sempre più consistente, non solo nella quantità, ma anche nella qualità.

Altro indizio di questa crescita costante viene dal campionato Esordienti, dove i ragazzi si dimostrano molto competitivi, vincendo molte partite e arrivando secondi nella classifica sia del campionato Invernale che Primaverile.

Durante la Stagione Sportiva si concretizza la possibilità di avviare una nuova “primizia” in Lombardia: il primo campionato FIGC della categoria Pulcini C5 (8-10 anni). Organizzato nei mesi primaverili con la formula dei raggruppamenti, questo nuovo campionato vede la partecipazione dei “soliti noti” del C5 giovanile lombardo (oltre a noi, San Biagio C5, San Carlo Sport, MGM).
Come spesso ci succede partecipiamo al campionato con un gruppo “sotto-età”, composto in larga parte da ragazzini della categoria Primi Calci: la scelta è dettata sia dalla necessità di avere un gruppo numeroso, ma anche dalla volontà di acquisire esperienza, utile per le future stagioni.
Il primo goal storico (l’ennesimo…) in un campionato FIGC Pulcini viene siglato da Alessio Casafina.

Concludiamo l’analisi del nostro movimento giovanile con i numeri dei più piccoli, cioè quelli dell’attività “non agonistica” (dai 5 ai 12 anni): si contano 56 bambini iscritti, nati dal 2005 al 2013, impegnati settimanalmente con allenamenti specifici e, con cadenza mensile, nei concentramenti FIGC Primi Calci e Piccoli Amici.

Venendo ai “grandi” della Prima Squadra, si allestisce una rosa ritenuta all’altezza per conseguire finalmente una salvezza tranquilla, dopo anni di reiterati “su e giù” tra serie D e serie C2, o di salvezze soffertissime agguantate all’ultimo respiro.
L’inizio di campionato sembra confermare questa sensazione, dal momento che alla quarta giornata si “veleggia” nei piani alti della classifica grazie a tre vittorie. Invece qualcosa si inceppa e si inanella una sequenza “interminabile” di sconfitte, inframezzate da sporadici pareggi: in pratica, all’inizio del girone di ritorno si è ancora una volta pienamente “impantanati” nella zona retrocessione e playout.
Il girone di ritorno si rivela comunque migliore di quello di andata e, seppure in modo un po’ altalenante, si riesce a “rialzare la testa”, per festeggiare la salvezza diretta con una giornata di anticipo.
Non è stata quindi la “salvezza tranquilla” che si auspicava ad inizio stagione, ma non è stato nemmeno il “bagno di sangue” delle precedenti annate.
L’imminente Stagione Sportiva 2018/2019 ci vedrà dunque ancora ai nastri di partenza della Serie C2.

Stagione 2018-2019

Finalmente !!!
Dopo un’attesa (ed un incessante lavoro…) durata la bellezza di 14 anni, da quel Novembre 2005 nel quale si è riusciti ad avviare i primi passi nel mondo del C5 giovanile, è arrivato dunque il momento nel quale riusciamo a “mettere in campo” tutte le categorie giovanili, sia agonistiche (Under 15, Under 17, Under 19), che non (Esordienti, Pulcini, Primi Calci, Piccoli Amici).
È veramente una grandissima soddisfazione e i numeri sono da “brivido”:
– 14 bambini del 2014 (così piccoli da non essere nemmeno “contemplati” dalla FIGC)
– 15 bambini del 2012/2013 (che partecipano ai Concentramenti FIGC, categoria Piccoli Amici)
– 17 bambini del 2010/2011 (che partecipano ai Concentramenti FIGC, categoria Primi Calci)
– 14 bambini del 2008/2009 (che partecipano ai Campionati FIGC, categoria Pulcini)
– 9 bambini del 2006/2007 (che partecipano ai Campionati FIGC, categoria Esordienti: l’unica categoria in “sofferenza” di presenze)
– 16 ragazzi del 2004/2005 (che partecipano al Campionato Regionale FIGC, categoria Under 15 – ex-Giovanissimi)
– 11 ragazzi del 2002/2003 (che partecipano al Campionato Regionale FIGC, categoria Under 17 – ex-Allievi)
– 13 ragazzi del 2000/2001 (che partecipano al Campionato Nazionale FIGC, categoria Under 19)

Anche i risultati “sportivi” delle categorie agonistiche evidenziano la continua crescita, non solo quantitativa ma anche qualitativa, del nostro movimento.
L’Under 15 nel mese di maggio 2019 si aggiudica con pieno merito il primo titolo sportivo giovanile della storia Seleçao: battendo in finale il San Carlo con un perentorio 5-1 (in un “ideale” passaggio di testimone dalla società pluri-titolata lombarda…) i nostri ragazzi conquistano la Coppa Lombardia regionale Under 15.
Anche l’Under 19 arriva ad un passo da una grande impresa, “fallendo” solo all’ultimo respiro l’accesso ai Playoff nazionali, dopo un girone di ritorno strepitoso che purtroppo non è riuscito a compensare fino in fondo un girone di andata piuttosto altalenante ed incolore.

La “presenza Seleçao” nelle Rappresentative Lombarde C5 continua inoltre ad aumentare, con la convocazione di 3 giocatori nelle squadre che partecipano al Torneo delle Regioni di categoria in Basilicata: il portiere Diego Noseda (alla quarta partecipazione consecutiva…) nella formazione Under 17, più Francesco Giannone e Filiberto Ingrosso, entrambi nella formazione Under 19.

La classica “ciliegina sulla torta” viene posta nel mese di giugno con l’ormai consueta partecipazione al Trofeo Valle d’Aosta (ex “Topolino Calcio” e ex “Snoopy Futsal”): partecipiamo con 3 categorie (Primi Calci, Pulcini, Esordienti) sfiorando con quest’ultima categoria la vittoria del torneo, subendo il goal della sconfitta solo ad una manciata di secondi dal termine della finale 1°-2° posto.

Dal Settore Giovanile dunque solo notizie positive: e dai grandi della Prima Squadra?
Da loro l’apoteosi !!!

Benchè consapevoli di avere predisposto una “rosa giocatori” di qualità, la stagione si rivela addirittura più rosea di quanto atteso, con una “cavalcata” che culmina a fine gennaio con la netta vittoria per 6-2 contro la Derviese, la diretta inseguitrice che viene spedita a -8 punti in classifica. Un divario che appare ormai incolmabile: invece qualcosa inspiegabilmente si inceppa e si iniziano a perdere punti per strada, mentre invece la Derviese inizia a diventare un “rullo compressore”.
La frittata viene servita all’ultima giornata di campionato, dove si concretizza l’incredibile ribaltone (assolutamente inimmaginabile a febbraio…) che premia la Derviese con la promozione diretta in serie C1 e ci manda, con il morale sotto i tacchi, nelle “forche caudine” dei Playoff.
Il primo turno dei Playoff è decisamente “delicato” poichè si gioca con una partita secca da “dentro o fuori”: è una partita di “pura sofferenza” vinta, in una Palestra Ferraris stracolma, contro la Vedanese per 2-1, recuperando il goal di svantaggio subito a metà secondo tempo.
Il passaggio del turno rasserena la squadra (che aveva perso negli ultimi travagliati mesi la fiducia nei propri mezzi…) che riesce a risollevarsi fino a conquistare una fantastica promozione in serie C1, portando dunque per la prima vota la Seleçao Libertas Calcetto nel campionato di vertice regionale.

Questa è la proverbiale “quadratura del cerchio”: Settore Giovanile in costante crescita e Prima Squadra che finalmente approda in Serie C1.

Stagione 2019-2020

Ci sarebbe piaciuto raccontare del nostro primo anno in C1, con una partenza positiva, seguita da una lunga serie di risultati meno brillanti che ci hanno fatto scendere inesorabilmente nella zona pericolosa della classifica…
Ci sarebbe piaciuto continuare con l’Under 19 che ha veleggiato costantemente nelle prime posizioni del proprio girone, sfiorando la possibilità di ottenere il primo posto ma con la certezza di aver conquistato, per la prima volta, un posto nei playoff nazionali…
Ci sarebbe piaciuto parlare anche dell’Under 17, con le sue difficoltà di allestimento iniziale, per poi arrivare ad avere una “rosa numerosa” e poter partecipare quindi al campionato primaverile…
Per poi arrivare alla “consacrazione” della nostra Under 15 protagonista di un campionato sontuoso fatto di sole vittorie, escluse due uniche battute d’arresto contro i “professionisti” della F.C. Internazionale (proprio loro, quelli di serie A di C11, al loro “esordio” nel mondo del Futsal…); oppure della loro partecipazione a gennaio alla Fenice Junior Cup a Mestre…
Ci sarebbe piaciuto concederci una breve “divagazione” sulle Rappresentative Lombarde che avrebbero visto una consistente partecipazione di nostri tesserati in tutte le categorie (U19, U17, U15), con il “picco” della Rappresentativa U15, una sorta di “monocolore” composta per la metà dai nostri giocatori…
Per arrivare alla stabilità, sia in termini quantitativi che qualitativi, del nostro settore “non agonistico” (Esordienti, Pulcini, Primi Calci, Piccoli Amici)…

… e invece

tutto purtroppo passa in secondo piano a causa di un nemico che nessuno si sarebbe mai aspettato di dover affrontare: nel mese di febbraio (ultima nostra partita, sabato 22 febbraio…) tutti i campionati vengono sospesi a causa della Pandemia di COVID-19.
Non solo i campionati si fermano: in pratica si ferma tutta la vita sociale, poichè il LOCKDOWN generale è il solo modo di contenere i contagi e cercare di arginare il sempre maggiore numero di morti, con il sistema sanitario al collasso.
Per circa due mesi in pratica non si può uscire di casa (se non per stretta necessità, ad esempio per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità…), le strade delle città sono vuote in un clima “spettrale”.
In questo contesto gli aspetti sportivi perdono la loro importanza, cancellati dall’immagine che è diventata il tragico simbolo di questa pandemia: la lunga colonna di mezzi militari a Bergamo nella notte del 18 marzo (per trasportare i feretri dei morti fuori regione, poichè la città non era più in grado di “gestirli”…).

Solo a fine giugno, la Lega Nazionale Dilettanti ufficializza ciò che era evidente ormai da tempo: la Stagione Sportiva 2019/2020 viene di fatto cancellata.

La storia continua…